Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cosa sta accadendo in Oregon

Immagine di copertina

Un gruppo di proprietari di ranch armati ha occupato un edificio del governo federale a Burns una cittadina nel sudest dello stato americano

Nella cittadina di Burns, nel sudest dello stato americano dell’Oregon, è in corso una protesta armata portata avanti da un gruppo di proprietari di ranch di estrema destra. Ecco cosa sta accadendo, senza giri di parole:

– Nella serata di sabato 2 gennaio un gruppo di qualche decina di persone di estrema destra ha occupato con le armi uno stabile di proprietà del governo degli Stati Uniti che ospita il Malheur Wildlife Refuge, un rifugio utilizzato dagli escursionisti in visita al lago Malheur. L’occupazione è ancora in corso;

– I manifestanti dicono di essere un centinaio, ma la stampa sul luogo ne ha contate alcune decine. Si sono auto-definiti Citizens for Constitutional Freedom;  

– L’occupazione sarebbe una protesta a favore degli allevatori Dwight e Steven Hammond, rispettivamente padre e figlio, che nel 2012 sono stati condannati per l’incendio doloso di terreni dell’Oregon. A dicembre 2015 sono stati condannati definitivamente a cinque anni di carcere. Gli Hammond avevano ammesso di aver appiccato degli incendi nel 2001 e nel 2006, e il loro legale ha fatto sapere che non stanno sostenendo l’attuale protesta in corso;

– L’occupazione è guidata da Ammon Bundy, che è figlio di Cliven Bundy, divenuto famoso nel 2014 per aver resistito agli agenti federali quando provarono a confiscargli del bestiame che aveva rubato nei pascoli federali. Da allora Cliven Bundy è divenuto un’icona per l’estrema destra statunitense;

– La questione dell’uso del suolo pubblico sembra essere il centro della protesta. Il tema è molto caro all’estrema destra e a molti conservatori dell’ovest degli Stati Uniti che credono che il governo non dovrebbe possedere i terreni pubblici. Tuttavia il gruppo non ha fatto alcuna richiesta particolare al governo centrale di Washington. Per il momento Ammon Bundy ha solo fatto sapere che lui e i suoi compagni non hanno intenzione di lasciare l’edificio;

– In molti su Internet hanno criticato l’approccio cauto delle autorità nei confronti di quella che viene definita una vera e propria milizia di ispirazione bianca cristiana, la domanda che circola è: “Le autorità si sarebbero comportate allo stesso modo se gli occupanti armati fossero stati afroamericani o musulmani?”. La protesta ha utilizzato sui social network l’hashtag #yallqaeda.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari