Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È ora di ripensare la nostra dipendenza da Facebook

Immagine di copertina

Il colosso di Zuckerberg è molto più fragile di quanto pensiamo. Il down di questi giorni deve portarci a riconsiderare la nostra vita sui social. Un'analisi acuta di Kevin Roose penna di punta del New York Times

Amplifica lodio e le fake news, destabilizza la democrazia e mina la sicurezza delle adolescenti rispetto al proprio corpo, tutto in nome del profitto. Le accuse mosse a Facebook da una sua ex dirigente, prima pubblicate sul Wall Street Journal e poi presentate al Congresso degli Stati Uniti, raccontano un’azienda i cui giorni migliori sembrano ormai passati, nonostante l’immagine onnipotente del colosso fondato da Mark Zuckerberg.

Le denunce contenute nell’inchiesta Facebook Files, basata su una serie di ricerche interne all’azienda, potrebbero infatti far pensare alla piattaforma digitale americana come a un mostro terribilmente potente che può essere fermato soltanto con un intervento aggressivo dei governi.

Ma c’è un altro modo di leggere la serie di documenti trapelati alla stampa statunitense e avvalorati dalla testimonianza dell’ex product manager di Menlo Park Frances Haugen: Facebook è nei guai. È vittima di un declino inesorabile, preoccupata dalla progressiva perdita di potere e influenza.

Tutto questo non deve però far cantare vittoria ai suoi critici. La storia ci insegna che i social network raramente invecchiano senza creare problemi e che le aziende tecnologiche possono fare molti danni nella loro fase di decadenza. I prossimi anni di Facebook potrebbero essere ancora peggiori degli ultimi…

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"