Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ora che Trump ha vinto le elezioni, tutti vogliono trasferirsi in Canada

Immagine di copertina

Le visite al sito del dipartimento d'immigrazione canadese sono impennate vertiginosamente fino a causare una vera e propria interruzione del portale

Mentre si profilava la vittoria del candidato repubblicano Donald Trump, le visite al sito del dipartimento d’immigrazione canadese, dedicato ai servizi d’informazione per ottenere il visto d’ingresso in Canada, sono impennate vertiginosamente fino a causare una vera e propria interruzione del portale. Il timore di vedere Trump insediarsi alla Casa Bianca sembra essere stato il motivo principale per il quale un altissimo numero di persone avrebbe cercato informazioni riguardo un possibile espatrio in Canada. 

Una vicenda analoga si era verificata nella giornata del primo marzo 2016 negli Stati Uniti, quando si era svolto il Super Tuesday e Donald Trump aveva consolidato considerevolmente il vantaggio sui suoi sfidanti repubblicani. Per l’occasione, Google aveva registrato un picco di ricerche assolutamente insolito per la frase “move to Canada”, “trasferirsi in Canada”. 

Ma le ricerche per un ipotetico trasferimento in Canada non si erano limitate a Google. Nel corso del Super Tuesday, infatti, il sito dell’ufficio immigrazione canadese aveva già registrato un forte rallentamento, tanto da avere dovuto inserire un avviso relativo alla momentanea lentezza del sito.

Non si tratterebbe quindi di una coincidenza temporale, dal momento che sempre secondo Google una delle principali ricerche correlate era stata “move to Canada if Trump wins“, lasciando così intendere che chi stava manifestando la volontà di lasciare gli Stati Uniti per andare in Canada lo avrebbe fatto in caso di vittoria alle prossime elezioni presidenziali del miliardario Donald Trump.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone