Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Londra, gli oppositori sauditi si uniscono contro la repressione del regime

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Gli attivisti vogliono creare un fronte comune contro la repressione del governo saudita nei confronti delle voci critiche

Oppositori del regime saudita provenienti da diverse parti del mondo si sono riuniti a Londra per chiedere che venga fatto uno sforzo collettivo per sfidare il governo “oppressivo” del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman in Arabia Saudita.

I relatori della Seconda conferenza sulla diaspora saudita hanno detto che dopo l’omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato di Istanbul è arrivato il momento di dar vita ad un fronte unito contro le politiche del principe ereditario.

Organizzato da Diwan London, un centro di discussione che si concentra principalmente sulla penisola araba, e dall’organizzazione per i diritti umani saudita ALQST, la conferenza che si è tenuta domenica 10 dicembre ha visto la partecipazione di attivisti provenienti da Stati Uniti, Canada, Australia, Germania, Svizzera e altre parti del mondo.

Molti attivisti, tra cui il figlio dello studioso musulmano Salman al-Odah attualmente in prigione e noto per le sue posizioni progressiste su questioni considerate controverse, hanno parlato alla conferenza tramite videochiamata.

Uno dei temi affrontati è stato quello della sorte di al-Odah: di recente un procuratore saudita ne ha chiesto la condanna a morte durante un processo a porte chiuse.

“Questo fronte di opposizione chiede il rispetto dei diritti, democrazia, uguaglianza e giusto processo, tutti chiediamo la stessa cosa”, ha detto Yahya Assiri, a capo di ALQST.

I dissidenti hanno detto che gli incontri sono stati un passo importante nonché il primo del suo genere: l’obiettivo è creare un fronte coordinato e unito contro la repressione del governo saudita nei confronti delle voci critiche, che vengono impunemente incarcerati, torturati e privati ​​dei loro beni.

La conferenza ha visto la partecipazione di personaggi di spicco dell’opposizione come il 72enne Mohamed al-Massari, un fisico saudita in esilio, dissidente politico e presidente del Comitato per la difesa dei diritti, la prima organizzazione indipendente per i diritti umani nel regno. Massari ha ottenuto l’asilo nel Regno Unito nel 1994.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan