Uccide il figlio con una padellata e poi fa a pezzi il corpo: “Non sopportavo più le sue tirannie”

L'omicidio è violento: la madre smembra l'uomo in 70 piccoli pezzi

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 29 Dic. 2018 alle 12:48 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:05
0
Immagine di copertina

Uccide il figlio con una padellata in testa e poi lo smembra in 70 pezzi.

Esausta delle angherie – Una donna di 63 anni ha deciso di ammazzare il suo stesso figlio perché costretta a subire a lungo tempo il suo atteggiamenti tirannico.  Lyudmila R è stata dichiarata colpevole dell’omicidio, ma le è stato risparmiato il carcere dopo che è riuscita a provare le violenze fisiche e psicologiche a cui era stata sottoposta.

Dipendenza da alcool – Il  Daily Mail riporta che la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbe stata la tentata violenza sessuale a cui la donna ha dovuto difendersi. Il 42enne, ubriaco, l’avrebbe confusa per la moglie e ha così cercato di avere un rapporto sessuale con la sua stessa madre. La donna, che vive in Russia, ha provato a chiedere protezione alla polizia in diverse occasioni, ma nessuno l’ha aiutata fino a quando non si è fatta giustizia da sola.

L’odore acre – A lanciare l’allarme sono stati i vicini che sentivano da qualche giorno un forte odore provenire dalle proprietà della donna. All’arrivo della polizia Lyudmila si è giustificata parlando di resti di carcasse della caccia, ma dopo le indagini gli agenti hanno trovato il corpo del figlio smembrato in vari sacchi dell’immondizia.  A lungo a provato a dare una versione diversa, poi ha ceduto: ha detto che il figlio era tornato a vivere da lei dopo che la moglie lo aveva mandato via di casa, che subiva continue violenze e che non ce l’ha più fatta a sopportarle.

Le conseguenze – “Sono andata a comprare una sega elettrica, perché le mie mani erano doloranti e non potevo usare un coltello. Ho coperto il pavimento di plastica, poi gli ho tagliato le gambe, le braccia e la testa. L’ho sventrato, tagliato via il suo pene e tirato fuori gli organi interni”, ha raccontato agli agenti. Le è stato risparmiato il carcere ma per 23 mesi non dovrà abbandonare la città.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.