Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Non respiro, non respiro”: le ultime parole del giornalista Khashoggi prima di morire a Istanbul

Immagine di copertina

“Non respiro, non respiro”: sono le ultime parole pronunciate prima di morire da Jamal Khashoggi, il giornalista e dissidente saudita, ucciso nel consolato di Riad a Istanbul. Le parole sono contenute nella trascrizione della registrazione audio degli ultimi attimi di vita dell’uomo. Si tratta di prove che confermano il suo omicidio, lo scorso 2 ottobre. E confermano la volontà della Corona saudita di mettere a tacere il ‘columnist’ del Washington Post, considerato scomodo.

La trascrizione è stata ottenuta dalla Cnn, da una fonte “ben informata”. L’omicidio dell’uomo è stato ben pianificato e non è frutto di un errore. La trascrizione è stata preparata dai servizi di intelligence turchi che non hanno mai detto come l’hanno ottenuta.

Secondo quanto emerge dalla registrazione, un uomo identificato come Maher Abdulaziz Mutreb, un ex diplomatico e uomo dell’intelligence saudita, nei momenti prima della morte dell’uomo, fece 3 telefonate: “Di’ ai tuoi, la cosa e’ fatta, e’ fatta”. Non si sa a chi fossero rivolte le chiamate, probabilmente a un suo superiore. Secondo la Cnn, potrebbe trattarsi di Saud al-Qahtani, l’ex capo della comunicazione di Mohamed bin Salman.

L’uomo, fedelissimo alla Corona saudita, è stato rimosso dal suo incarico in seguito all’omicidio e ora è indagato da Ankara.

La trascrizione rilasciata dalla Cnn descrive meticolosamente gli attimi precedenti alla morte del giornalista. “Urla, urla, soffoca, sega, taglia”, sono parole che riescono a distinguersi nel caos e nel rumore di sottofondo.

Uno dei due esecutori materiali dell’assassinio, identificati nella trascrizione come Salah Muhammad al-Tubaiqi ad un certo punto consiglia ai sodali di mettersi gli auricolari (“Ascoltate la musica, come me”), evidentemente per coprire i rumori della sega ossea.

L’Arabia Saudita ha ammesso che l’uomo, sparito dopo essere entrato nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul, in Turchia, è morto mentre si trovava nella struttura. Qui la notizia.

Il 15 novembre la procura generale dell’Arabia Saudita ha incriminato 11 persone per l’omicidio: per 5 di queste, ritenute essere esecutrici materiali dell’uccisione, è stata chiesta la condanna a morte. Le autorità di Riad hanno negato che nell’omicidio sia implicato il principe ereditario, Mohammed bin Salman.

Khashoggi, collaboratore del Washington Post, si era recato nel consolato per completare alcune “pratiche burocratiche” e da allora non si sono più avuto sue notizie.

A denunciare la sua scomparsa era stata la compagna, che lo ha atteso fuori dall’edificio per undici ore, fino alla chiusura degli uffici.

A questo link un articolo che ricostruisce l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo