Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Obama, ancora lui

Immagine di copertina

Barack Hussein Obama ha vinto un secondo mandato, sconfiggendo il repubblicano Mitt Romney. Ora ha davanti a sé quattro anni cruciali

Obama, ancora lui

Barack Obama si conferma presidente degli Stati Uniti e conquista il secondo mandato. Dopo mesi di agguerrita campagna elettorale e un inizio sottotono, il presidente riesce a recuperare il consenso negli stati chiave, assicurandosi buona parte della East Coast, la Florida e l’Ohio, sempre più ago della bilancia. Per Mitt Romney la quasi totalità degli stati del sud.

Solo qualche settimana fa Obama aveva deluso nel primo faccia a faccia a Denver, apparendo dimesso e sulla difensiva davanti alle bordate di Romney. È possibile che in questa ripresa un ruolo non da poco sia stato giocato dal cosiddetto ‘effetto Sandy’: gestendo con perizia l’emergenza uragano, Obama è apparso di nuovo come un leader degno di questo nome; Sandy ha inoltre rinfocolato il dibattito sul riscaldamento globale, un problema che Obama è sembrato poter risolvere meglio del Repubblicano. Proprio l’agenda verde di Obama, infatti, gli ha conquistato l’endorsement del sindaco di New York Michael Bloomberg, secondo Repubblicano – dopo Colin Powell – ad appoggiare la candidatura del presidente democratico.

E poi il tema delle tasse, sul quale il presidente aveva giocato buona parte della propria candidatura (scommessa vinta se si pensa che più della metà dei votanti di questa notte è favorevole all’incremento delle tasse), promettendo un netto aumento della pressione fiscale per i ceti più abbienti, quelli che superano i 250 mila dollari annui, e garantendo incentivi alle imprese per rilanciare l’economia accompagnati da maggiori investimenti nel campo dell’istruzione e della ricerca. Nel 2008, Obama si era presentato al grido di ‘Change’, Cambiamento. Questa volta, lo slogan è ‘Forward’, Avanti, una promessa di continuità con le politiche avviate in questi primi quattro anni e la voglia di non fermarsi alle prime difficoltà, non poche se pensiamo alle difficili trattative per la rateizzazione del debito o al complicato percorso dell’assistenza medica.

Ma sono molte anche le sfide anche fuori dai confini americani: dallo stallo in Afghanistan (da cui Obama vorrebbe ritirarsi entro il 2014) fino alla polveriera del Medioriente – dove la tensione fra Iran e Israele è ormai alle stelle. La politica estera di Obama dovrà fare i conti anche con questioni non militari, ma altrettanto vitali: la continuazione della ‘reset policy’ con la Russia di Putin, i rapporti con una Cina in trasformazione, l’immigrazione e i traffici illeciti provenienti dal Messico. Infine, dovrà decidere cosa fare con la crisi in Europa – una questione mai emersa in campagna elettorale ma da cui l’inquilino della Casa Bianca non potrà prescindere. Appare evidente come da domani il presidente dovrà tornare a occuparsi dei tanti problemi che affliggono l’America. Da domani, appunto. Per qualche ora si potrà festeggiare e a Chicago è già un pullulare di bandiere e striscioni.

A cura di Gian Maria Volpicelli da Boston e Andrea Lezzi da Rochester, New York.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio