Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari

Immagine di copertina

Il nuovo numero uno dell’Interpol – l’organizzazione internazionale della polizia criminale – è il generale Ahmed Naser al-Raisi, ispettore del ministero degli interni degli Emirati Arabi Uniti. Una nomina che ha generato diverse polemiche. Contro di lui, infatti, sono state sporte denunce penali in cinque Paesi, tra cui in Francia, dove ha sede l’Interpol, e in Turchia, dove si sono svolte le elezioni. L’uomo, dal 27 dicembre 2018 Commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia (già Stella della solidarietà italiana), è inoltre accusato da associazioni per i diritti umani di essere stato coinvolto in torture e detenzioni arbitrarie negli Emirati Arabi Uniti. “Non può nascondersi dalle accuse molto serie nei suoi confronti, facciamo appello all’Interpol affinché adempia al fondamentale dovere di indagare su questi sconvolgenti crimini”, ha commentato l’avvocato internazionale Rodney Dixon, che proprio in questi giorni ha presentato una denuncia per tortura contro al-Raisi a Istanbul.

Ma di cosa è accusato Ahmed Naser al-Raisi? Il nuovo capo dell’Interpol è accusato di avere supervisionato la detenzione arbitraria e la tortura di Matthew Hedges e Ali Ahmad Issa, cittadini britannici arrestati negli Emirati tra il 2018 e il 2019 quando al Raisi già ricopriva la carica di ispettore generale del ministero dell’Interno. “Sono molto preoccupato per cosa potrà significare l’elezione di Raisi per persone come me che hanno subito abusi negli Emirati e sono state costrette a rilasciare confessioni forzate sotto tortura”, ha detto Matthew Hedges, detenuto per 7 mesi in isolamento nel 2018 con accuse di spionaggio per conto del governo inglese mentre si trovava negli Emirati per fare ricerca come studente di dottorato. “Onestamente penso che il risultato di questa elezione sia stato deciso in anticipo”, ha commentato Ali Ahmad Issa, l’altro cittadino britannico che ha denunciato tortura subita nel 2019 dalla polizia emiratina dopo essere stato arrestato per vestire una maglietta della squadra di calcio del Qatar in occasione di un evento sportivo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra