Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Il numero dei giornalisti uccisi è più che raddoppiato nel 2020

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 23 Dic. 2020 alle 09:58
76
Immagine di copertina

Il numero dei giornalisti uccisi è raddoppiato nel 2020

Nel 2020 il numero dei giornalisti uccisi a causa del loro lavoro è più che raddoppiato: lo certifica un rapporto del Cpj, il Comitato per la protezione dei giornalisti.

Secondo il rapporto annuale del Cpj, infatti, sono 30 i reporter uccisi in 15 Paesi nel corso di quest’anno. Numeri che, secondo Joel Simon del Cpj, rappresentano “un fallimento della comunità internazionale”.

Dei 30 giornalisti uccisi nel 2020, 6 lavoravano ad “incarichi pericolosi”, 3 sono stati colpiti dal fuoco incrociato nel corso della guerra civile siriana, mentre 21 sono stati assassinati.

L’Afghanistan e il Messico sono i Paesi in cui sono stati uccisi più reporter nel corso di quest’anno. Subito dopo vi sono le Filippine, l’India, l’Honduras, il Bangladesh, l’Iran, il Paraguay, la Somalia, la Siria e lo Yemen.

Nel rapporto, inoltre, si specifica che tutti i 21 giornalisti uccisi sono stati assassinati in azioni premeditate, definite “rappresaglie dirette” per il loro lavoro.

Nel 2019, sempre secondo quanto si legge nel rapporto del Comitato per la protezione dei giornalisti, erano stati 10 i reporter uccisi a causa delle loro inchieste scomode.

Leggi anche: “Il sogno europeo di Antonio Megalizzi non svanirà mai: io porto avanti il suo messaggio d’amore”

76
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.