Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cosa stiamo seguendo | 1 febbraio 2018

Immagine di copertina
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

KAESONG (Corea del Nord) – Gli atleti nordcoreani si recano in Corea del Sud per partecipare ai Giochi olimpici invernali.

AFRIN (Siria) – Si intensifica l’offensiva dell’esercito turco e dei ribelli siriani contro l’enclave curda di Afrin nel nord della Siria, con raid aerei e violenti scontri alle frontiere.

ADEN (Yemen) – Le forze separatiste nel sud dello Yemen si schierano ad Aden, dopo un micidiale combattimento in cui le truppe governative hanno perso il controllo della seconda città del paese.

RANGOUN – Si attende la decisione della corte di giustizia birmana sui due giornalisti di Reuters accusati di aver divulgato segreti di stato mentre lavoravano sulla crisi dei musulmani Rohingya.  Dalle 3:00.

BERLINO (Germania) – Il parlamento tedesco deve approvare una legge che disciplini il ricongiungimento familiare per i rifugiati, un testo chiave per la formazione di un governo di coalizione tra conservatori e socialdemocratici.  Dalle 8:00.

BERLINO (Germania) – Il cancelliere Angela Merkel riceve i capi di governo per lavorare su questioni migratorie ed Europa. Conferenza stampa dopo la riunione alle 14.00.

MOSCA (Russia) – Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov riceve il suo omologo italiano Angelino Alfano. Dalle 9:00.

LONDRA (Regno Unito) – Conferenza stampa degli avvocati dei leader separatisti catalani imprigionati, per annunciare la loro intenzione di appellarsi all’ONU per detenzione arbitraria. Dalle 11:00.

SKOPJE (Macedonia) – Matthew Nimetz, il mediatore delle Nazioni Unite nella disputa tra la Grecia e la Macedonia sul nome della ex repubblica jugoslava, è in visita a Skopje, mentre i due paesi hanno ripreso il dialogo nel tentativo di raggiungere un compromesso. Conferenza stampa alle 12.00.

TUNISI (Tunisia) – Secondo giorno della visita di stato del presidente francese Emmanuel Macron in Tunisia, in cui si rivolgerà ai deputati dell’Assemblea popolare e incontrerà i leader della società civile.

IL CAIRO (Egitto) – Incontro della Lega araba sulla questione dell’Ambasciata americana a Gerusalemme.

CHARLOTTE (Stati Uniti) – Larry Nassar, ex medico della squadra di ginnastica degli Stati Uniti condannato a decine di anni di carcere per violenza sessuale su giovani atlete, apparirà ancora una volta davanti a un tribunale del Michigan, a Charlotte. Durante questa udienza, un giudice dovrà pronunciare una sentenza su tre nuovi capi di accusa.

LOME (Togo) – L’opposizione invita a manifestare ancora per le dimissioni del presidente Faure Gnassinbé.

PECHINO (Cina) – Il primo ministro britannico Theresa May è visita in Cina per rafforzare le relazioni commerciali in vista della Brexit. Fino al 2 febbraio.

HONG KONG (Cina) – Il parlamento cinese ha vietato il commercio di avorio, che sarà gradualmente ridotto fino a cessare completamente nel 2021.

Oltre le notizie

NIAMEY (Niger) – Il governo di Niamey denuncia la scarsa cooperazione con le truppe francesi e statunitensi schierate in Niger, uno dei paesi più poveri al mondo ma ricco di grandi risorse minerarie

BRUXELLES (Belgio) – Durante una riunione di emergenza dell’Ad Hoc Liason Commettee, il gruppo di paesi donatori che fornisce aiuti economici ai paesi in via di sviluppo, Israele ha proposto un piano da 800 milioni di euro per ricostruire le infrastrutture della striscia di Gaza.

SMIRNE (Tuchia) – È stato nuovamente incarcerato Taner Kiliç, presidente di Amnesty International in Turchia, a solo 24 ore dalla sua scarcerazione. Kiliç rischia 15 anni di prigione per presunti legami con il leader dell’opposizione Fetullah Gülen, considerato dal governo turco l’organizzatore del fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca convoca l’ambasciatore italiano: 24 diplomatici espulsi dalla Russia
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca convoca l’ambasciatore italiano: 24 diplomatici espulsi dalla Russia
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Esteri / Aereo caduto in Cina, le scatole nere: "È stato fatto precipitare volontariamente"
Esteri / Guerra in Ucraina, Finlandia e Svezia consegnano la domanda di adesione alla Nato. Draghi: "Appoggio convinto dell'Italia"
Esteri / L’”orbanizzazione” degli Stati Uniti: perché la destra americana guarda sempre più al leader ungherese
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista