Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

L’ambasciata italiana a Londra chiarisce la situazione dei nostri connazionali in UK

Per l'istituzione il governo britannico continuerà ad assicurare il rispetto dei diritti europei fino a Brexit e ha mostrato l’intenzione di garantirli anche dopo

Di TPI
Pubblicato il 3 Mar. 2017 alle 17:10 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:40
0
Immagine di copertina

Il 28 febbraio 2017 la stampa inglese ha riportato una notizia riguardante la presunta volontà della premier britannica Theresa May di chiudere le frontiere del Regno Unito ai cittadini europei, una prima mossa per l’applicazione della Brexit.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

La notizia ha suscitato preoccupazione tra gli italiani che vivono nel Regno Unito ed è stata successivamente smentita. Per fare chiarezza sul contenuto, l’Ambasciata italiana ha pubblicato un comunicato stampa di cui TPI dà diffusione:

“In merito alle notizie recentemente diffuse dalla stampa britannica – riguardanti una presunta sospensione della libera circolazione dei cittadini UE nel Regno Unito a partire dalla metà di marzo, a seguito dell’attivazione dell’art. 50 del Trattato UE – si informa che su sollecitazione dell’Ambasciata d’Italia a Londra, le Autorità del Regno Unito hanno precisato che il Governo britannico, anche dopo l’attivazione dell’articolo 50, continuerà ad assicurare il pieno rispetto di diritti e obblighi europei fino al giorno in cui il Regno Unito uscirà dalla UE, inclusi quindi i diritti di cui godono attualmente i cittadini di stati membri dell’Unione europea, tra i quali è compresa la libera circolazione delle persone. Fino a quel momento non vi saranno pertanto modifiche nell’attuale regime di ingresso in questo Paese.

Per quanto riguarda gli scenari futuri che si profileranno nel corso del negoziato per l’uscita dall’Unione Europea, ricordiamo che il Governo britannico, al massimo livello politico, ha più volte manifestato formalmente l’intenzione di garantire pienamente i diritti acquisiti dai cittadini europei anche dopo la Brexit, a condizioni di reciprocità. Dal canto suo il Governo italiano è prioritariamente impegnato a garantire il rispetto dei diritti acquisiti dai cittadini italiani residenti nel Regno Unito nonché ad assicurare la massima tutela possibile a tutti i nostri connazionali. Quando saranno disponibili ulteriori indicazioni da parte del Governo britannico, sarà cura di questa Ambasciata diffonderle tempestivamente a tutti i connazionali”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.