Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Norvegia gli influencer che ritoccano le foto senza dichiararlo saranno multati

Immagine di copertina

In Norvegia gli influencer che ritoccano le foto senza dichiararlo saranno multati

La Norvegia ha approvato una legge che obbliga anche gli influencer a dichiarare se le foto usate nelle pubblicità sono state ritoccate, per combattere canoni di bellezza irrealistici e considerati dannosi per i più giovani.

La norma, approvata con 72 voti a favori e 15 contrari il 2 giugno, afferma che qualsiasi foto in cui “la forma, le dimensioni o la pelle di un corpo sono state modificate da ritocchi o altre manipolazioni”, anche applicando un filtro, deve essere contrassegnata come alterata, usando un’etichetta realizzata dal ministero dell’infanzia e della famiglia. La legge si applicherà anche a celebrità e influencer che ricevono compensi o beneficiano in qualche modo dai post su piattaforme di social media come Facebook, Instagram, Snapchat, TikTok e Twitter. Le violazioni sono punibili con sanzioni di importo crescente e, in casi gravi, anche con la reclusione.

Secondo quanto riportato da Vice, sono ad esempio considerate manipolazioni da segnalare agli utenti o ai lettori l’allargamento delle labbra, il restringimento della vita e l’allargamento dei muscoli.

Nella proposta inviata al parlamento, il ministero norvegese dell’Infanzia e della famiglia ha dichiarato che l’alterazione delle foto a fini promozionali contribuisce a “insicurezza sociale, cattiva coscienza, bassa autostima”, usando il termine “kroppspress”, che significa letteralmente “pressione sul corpo”. Secondo studi citati dal ministero, quello del “kroppspress” è diventato un fenomeno pervasivo ed è un fattore che contribuisce alla bassa autostima nei giovani.

“La pressione sul corpo è presente sul posto di lavoro, nello spazio pubblico, a casa e in vari media, eccetera”, ha affermato il ministero, aggiungendo che questa pressione” è “sempre presente, spesso impercettibile, ed è difficile da combattere”.

La legge dovrà essere promulgata dal re di Norvegia, che deciderà quando entrerà in vigore.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf