Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il New York Times: “Giornalista di Al Jazeera uccisa da militari israeliani”

Immagine di copertina
Credit: EPA/ABED AL HASHLAMOUN

Il New York Times: “Giornalista di Al Jazeera uccisa da militari israeliani”

Il proiettile che ha ucciso la giornalista di al-Jazeera Shireen Abu Akleh è stato probabilmente sparato da un soldato dell’esercito israeliano, membro di un’unità d’élite. È la conclusione dell’inchiesta condotta dal New York Times sulla clamorosa morte della giornalista palestinese-americana, una delle più note del mondo arabo, colpita alla testa l’11 maggio scorso mentre documentava gli scontri tra israeliani e palestinesi a Jenin, in Cisgiordania.

Secondo il quotidiano statunitense, gli spari contro Abu Akleh e i suoi colleghi sono partiti dalla posizione in cui si trovava un convoglio militare israeliano, mentre nell’area non erano presenti palestinesi armati. Circostanza che smentirebbe quanto sostenuto finora dalle autorità israliane, che hanno attribuito la morte della giornalista a un errore dei soldati israeliani o, alternativamente, a combattenti palestinesi.

Inoltre secondo il New York Times, i colpi partiti dal convoglio lo scorso 11 maggio sono stati 16 e non cinque, come sostenuto dall’esercito israeliano. L’inchiesta non è stata in grado di dimostrare se il soldato che ha aperto il fuoco abbia notato i giubotti anti-proiettili indossati da Abu Akleh e i suoi colleghi, che recavano l’evidente scritta “Press” (“Stampa”).

Dopo l’uccisione di Abu Akleh, al-Jazeera, l’emittente per cui lavorava la giornalista, aveva immediatamente puntato il dito contro le forze israeliane, citando la testimonianza del collega Ali Samodi, rimasto a sua volta ferito dagli spari. Alla stessa conclusione era arrivata un’inchiesta di Cnn, sostenendo che le forze israeliane avevano aperto il fuoco in un “attacco mirato” contro i giornalisti.

Anche l’Autorità Palestinese ha accusato Israele di averla uccisa intenzionalmente citando il fatto che era stata colpita alla testa da dietro, nonostante indossasse il giubbotto che la identificava come giornalista.

L’esercito israeliano ha dichiarato che finora non “è stato possibile determinare in maniera univoca l’origine degli spari”, dopo aver condotto un’indagine preliminare. Lo stato ebraico ha anche chiesto di aprire un’indagine congiunta con le autorità palestinesi per fare esaminare il proiettile da un gruppo di esperti internazionali: una richiesta che è stata finora rifiutata dal governo palestinese.

L’uccisione di Abu Akleh ha contribuito a infiammare le tensioni già alte tra israeliani e palestinesi, alimentate ulteriormente dalle violenze durante il funerale della giornalista, in cui la polizia israeliana ha caricato la folla che accompagnava la bara, nel tentativo di rimuovere la bandiera palestinese che la copriva.

Scene definite “inquietanti” dalla Casa bianca, mentre l’Unione Europea aveva dichiarato di essere “sconvolta”, condannando “l’uso sproporzionato della forza e il comportamento irrispettoso della polizia israeliana nei confronti dei partecipanti al corteo funebre”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera