Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

New York alle prese coi costi e i disagi di essere la città del neopresidente Trump

Immagine di copertina

La spesa per la protezione del presidente eletto Donald Trump e della sua famiglia è ingente, ma lo sono anche i disagi per i cittadini della trafficatissima Manhattan

New York City ha una voce nel suo bilancio che legge: spese di protezione per il presidente eletto Donald Trump e famiglia. Costo: oltre 1 milione di dollari al giorno. Lo rivelano tre diversi funzionari comunali interpellati dalla Cnn.

“L’imperativo numero uno qui è la sicurezza. Lo dobbiamo al presidente eletto, alla sua famiglia e alla sua squadra”, ha dichiarato il sindato di New York Bill de Blasio, aggiungendo che però c’è bisogno di fondi esterni per coprire le relative spese.

De Blasio ha ricordato che in passato la città ha chiesto e ottenuto il rimborso dei costi per la protezione di leader mondiali durante i vertici delle Nazioni Unite, ma l’altissimo livello di protezione richiesto per i capi di stati impegnerà le forze dell’ordine della città per un periodo di tempo prolungato.

Ora, se state pensando che New York si libererà del problema e della voce di spesa non appena Trump si trasferirà a Washington e si installerà alla Casa Bianca, il 20 gennaio 2017, sappiate che la moglie Melania e il loro figlio Barron, 10 anni, sembrano intenzionati a restare nella Trump Tower, Manhattan, almeno finché il bambino non avrà terminato l’anno scolastico e lo stesso Donald più che probabilmente farà spesso ritorno a casa dalla famiglia.

Ma non basta, anche gli altri figli e i nipoti di Trump hanno il loro seguito di agenti di polizia e godono della protezione dei servizi segreti. Tutti vivono nella Grande Mela.

Attualmente, la polizia ha cordonato la Trump Tower tra la 56esima strada e la Fifth Avenue, con conseguenze anche per il traffico dell’affollatissimo centro di Manhattan. Inoltre, a ogni spostamento di Trump, la polizia deve chiudere le strade per consentirgli il transito più rapido e sicuro possibile.

I newyorkesi, sempre di fretta come sono, certo non saranno contenti di tutto questo fastidio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia