Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Anche la neve è in via d’estinzione

Immagine di copertina

Secondo uno studio di ricercatori svizzeri, a causa del riscaldamento globale il manto nevoso delle Alpi potrebbe ridursi del 70 per cento entro la fine del secolo

Montagne senza neve, stazioni sciistiche chiuse e addio settimana bianca sulle Alpi, senza contare i danni per l’ecosistema di flora e fauna. È lo scenario alpino di fine secolo, prospettato dall’Istituto di ricerca sulla neve e le valanghe (Institute for Snow and Avalanche Research) e del laboratorio Cryos del Politecnico Federale in Svizzera.

La causa? Il riscaldamento globale, ovviamente. Secondo l’equipe di studiosi elvetici, se la media della temperatura mondiale rimarrà al di sotto dei due gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, le Alpi sono destinate a perdere fino al 30 per cento del loro manto nevoso entro la fine del secolo. Scenario più grave se il riscaldamento globale oltrepassa la fatidica soglia stabilita dall’accordo COP 21 siglato a Parigi nel 2015. Se si superano i due gradi, la neve diminuirà del 70 per cento.

Sia nel primo che nel secondo caso, i ricercatori avvertono che l’inverno alpino, il periodo in cui il manto nevoso è abbastanza profondo da permettere la pratica degli sport invernali, sarà comunque molto più breve. E in futuro, la stagione sciistica potrebbe iniziare un mese dopo rispetto al normale.

A soffrirne, ovviamente, sarà il turismo, con conseguenze a cascata su tutto il comparto ricettivo, ma la progressiva scomparsa dei ghiacciai alpini influirà disastrosamente anche sull’ecosistema, senza considerare che la diminuzione della neve influirà anche sulla produzione di energia nelle centrali termoelettriche presenti nell’area.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver comparato i dati meteorologici registrati negli ultimi anni. Uno studio simile, pubblicato due anni fa dall’Istituto di ricerca della Savoia, aveva già registrato un aumento di 1,85 gradi sul versante francese delle Alpi dal 1900 fino al 2015. Quasi il doppio rispetto al resto del pianeta.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol
Esteri / Patrick Zaki, prima udienza del processo a suo carico
Esteri / L'Inghilterra ci ripensa: niente Green pass per entrare nei locali o agli eventi