Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Regno Unito, neonato muore per la febbre di Lassa, altri contagi in famiglia: si teme un focolaio

Immagine di copertina

Regno Unito, neonato muore per la febbre di Lassa: si teme un focolaio

Paura nel Regno Unito dove un neonato è morto a causa della febbre di Lassa, mentre altri familiari del piccolo sono stati contagiati dal virus con le autorità sanitarie che ora temono lo scoppio di un vero e proprio focolaio.

Secondo quanto riferito dalla Bbc, attualmente sono 3 i casi confermati di febbre di Lassa, virus trovato nel Regno Unito per la prima volta dopo 13 anni.

Il virus, simile all’Ebola e trasportato dai topi, ha finora ucciso due persone nel Paese: il bambino e un uomo di ritorno da un viaggio dall’Africa occidentale.

Le autorità stanno monitorando le condizioni fisiche del personale sanitario che è entrato in contatto con i pazienti infetti a Luton e al Dunstable University Hospital.

Che cos’è la febbre di Lassa

La febbre di Lassa, così come si legge sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità, “fa parte del gruppo delle febbri emorragiche virali, patologie di origine virale a carattere sistemico, caratterizzate da esordio improvviso, acuto e spesso accompagnate da manifestazioni emorragiche”.

Prende il nome dalla città nigeriana in cui nel 1969 fu scoperto il virus fino a quel momento sconosciuto. “L’agente eziologico – si legge ancora sul sito dell’Iss – è un virus a Rna appartenente alla famiglia degli Arenaviridae, diffuso prevalentemente in Africa, il cui serbatoio principale sono i roditori Mastomys”.

Gli uomini non trasmettono direttamente il virus, ma possono contrarre la febbre attraverso il contatto con gli animali infetti e in particolar modo con il contatto diretto con escrementi o tramite aerosol di escreti e saliva.

Solo in alcuni casi è possibile la trasmissione da uomo a uomo “per contatto diretto con sangue, tessuti, secrezioni o escreti di persone infette, soprattutto in ambito familiare e nosocomiale”.

Nell’80% dei casi la patologia è lieve o addirittura asintomatica, mentre nel restante 20% dei casi può presentarsi come una malattia grave e mortale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Mosca conferma conquista di Lyman. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX