Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Navi russe attraversano il Canale di Sicilia: l’altro fronte della crisi ucraina

Immagine di copertina
Credit: Twitter; Alexei Druzhinin/Kremlin Pool/Planet Pix via ZUMA Wire

Navi russe attraversano il Canale di Sicilia: l’altro fronte della crisi ucraina

Sei navi russe, seguite da giorni dalle forze della Nato, stanno attraversando il canale di Sicilia per raggiungere il Mediterraneo orientale, dove prenderanno parte alle esercitazioni su larga scala annunciate da Mosca nelle scorse settimane.

Una spedizione che ha messo in allerta l’alleanza atlantica, che segue la flotta da quando è partita il 15 gennaio dal Mar Baltico. Il timore è che le navi, in grado di trasportare carri armati, truppe e mezzi militari, possano dirigersi verso la Crimea, andando a rafforzare le forze russe schierate ai confini con l’Ucraina.

Nel corso del loro viaggio, le navi sono state sono state seguite a turno da navi e velivoli da paesi membri dell’alleanza atlantica. Secondo quanto riporta La Repubblica, che cita il sito ItaMilRadar, da quando le sei navi si sono avvicinate all’Italia sono state seguite da un pattugliatore Boeing EP-8 Neptune, decollato ieri dalla base di Sigonella, da un bimotore P72 dell’Aeronautica militare, oltre che da un caccia tedesco nei pressi di Lampedusa. In precedenza a scortare le sei navi erano stati, tra gli altri, un incrociatore statunitense e un velivolo Orion portoghese, mentre fregate spagnole e francesi le hanno seguite prima che entrassero nel Mediterraneo. Le prime tre a superare lo stretto di Gibilterra erano state tre navi da sbarco di classe Ropucha appartenenti alla Flotta baltica della marina russa, seguite poi da altre due Ropucha e da una nave Ivan Gren della Flotta settentrionale.

Secondo il ministero della Difesa russo, le sei navi prenderanno parte alle esercitazioni annunciate nel Mediterraneo, come parte delle esercitazioni che la marina russa terrà in tutto il mondo, coinvolgendo in totale 140 navi e 60 velivoli. A queste si uniranno anche l’incrociatore di classe Slava “Varyag”, il cacciatorpediniere di classe Udaloy “Ammiraglio Tributs” e il rifornitore della flotta Boris Butoma, provenienti dalla Flotta del Pacifico. Nelle scorse settimane è entrata nel Mediterraneo anche una nave di classe Vishnya, per comunicazioni e intelligence, che potrebbe partecipare all’esercitazione.

Lo scorso 24 gennaio anche la Nato ha iniziato un’esercitazione, sempre nel Mediterraneo orientale. Denominata Neptune Strike 22, a guidarla è portaerei americana Truman, con la presenza anche della francese De Gaulle e dell’italiana Cavour assieme a diverse navi da guerra, oltre a due sottomarini nucleari. Secondo quanto dichiarato dall’alleanza atlantica, ieri una squadriglia di cacciabombardieri F18 Hornet ha simulato un attacco contro un’ipotetica flotta nemica, con il lancio di missili a lungo raggio.

La scorsa settimana la Nato ha annunciato l’invio di navi e aerei da guerra in Europa orientale in risposta alle tensioni con la Russia, accusata di preparare un’invasione dell’Ucraina. Mosca, che negli ultimi mesi è arrivata ad ammassare oltre 106mila truppe nei pressi del confine con l’Ucraina, ha chiesto alla Nato di ritirare le proprie forze dagli ex paesi dell’Unione sovietica e di impegnarsi a non includere mai Kiev. Condizioni giudicate inaccettabili dagli Stati Uniti, che invece si dicono disposti a trattare sul dispiegamento dei missili e possibili limitazioni alla proliferazione di armi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale