Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Nancy Pelosi a Taiwan: “Venuti in amicizia e pace nella regione”. Ira di Pechino

Immagine di copertina
Credit: nancy pelosi official

La speaker della Camera dei rappresentanti americana, Nancy Pelosi, è atterrata ieri all’aeroporto di Songshan a Taipei, Taiwan.

“Veniamo in amicizia a Taiwan, veniamo in pace nella regione”: è quanto ha detto la presidente della Camera americana Nancy Pelosi, parlando nel primo incontro della sua visita a Taipei che ha scatenato la durissima reazione della Cina. Al Legislative Yuan, il parlamento dell’isola, Pelosi è stata ricevuta dal vicepresidente Tsai Chi-Chang, che ha ringraziato per l’accoglienza rimarcando l’importanza dei legami tra Washington e Taipei, anche alla luce del CHIPS Act, che offrirà sussidi per oltre 52 miliardi di dollari per la produzione di chip.

“La visita della nostra delegazione a Taiwan onora l’incrollabile impegno dell’America nel sostenere la vivace democrazia di Taiwan”, aveva scritto su Twitter Pelosi. “Le nostre discussioni con la leadership di Taiwan riconfermano il nostro sostegno ai nostri partner e promuovono i nostri interessi condivisi, incluso il progresso di una regione indo-pacifica libera e aperta”. Si legge ancora che la solidarietà da parte degli Stati Uniti nei confronti dei 23 milioni di abitanti di Taiwan “oggi è più importante che mai”, perché “il mondo deve scegliere tra autocrazia e democrazia”. Ha sottolineato che la visita: “Non contraddice in alcun modo la politica di lunga data degli Stati Uniti stabilita dal Taiwan Relations Act del 1979, dai Comunicati congiunti Usa – Cina e dalle Sei assicurazioni”. La speaker, poi, ha concluso scrivendo che gli Stati Uniti continuano a opporsi agli sforzi unilaterali per cambiare lo status quo”.

L’arrivo della speaker Pelosi a Taiwan ha alimentato le tensioni tra Cina e Usa, ma anche fatto crollare il sito web ufficiale della presidente Tsai Ing-wen e del ministero degli Esteri, che hanno riscontrato malfunzionamenti lungo tutta la giornata perché ci sono stati diversi attacchi hacker dall’estero.

Subito dopo l’atterraggio di Pelosi a Taiwan, è arrivata la risposta di Pechino. “È una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Cina”, si legge in una nota del ministero degli Esteri cinese. Secondo l’ufficio per gli Affari di Taiwan del governo cinese la riunificazione della Cina è entrata in un processo irreversibile e non può essere fermata. “La madrepatria deve essere unificata ed è destinata a essere unificata”, riporta una nota diffusa dai media cinesi.

Come riportato da diversi media Usa, sono state posizionate quattro navi da guerra statunitensi, inclusa una portaerei, nelle acque a est di Taiwan. Intanto, il ministero della Difesa cinese ha annunciato operazioni militari intorno all’isola.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti
Esteri / Regno Unito, media: “Il tumore di Carlo III potrebbe essere più grave del previsto. Il re prepara la successione”
Esteri / Figlio del 7 ottobre, l’attivista israeliano Maoz Inon a TPI: “La guerra non fermerà il nostro sogno di pace”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti
Esteri / Regno Unito, media: “Il tumore di Carlo III potrebbe essere più grave del previsto. Il re prepara la successione”
Esteri / Figlio del 7 ottobre, l’attivista israeliano Maoz Inon a TPI: “La guerra non fermerà il nostro sogno di pace”
Esteri / Israele minaccia di ritirarsi dall'Eurovision Song Contest 2024
Esteri / Guerra in Ucraina, spiragli di tregua: Kiev ventila la possibilità di invitare la Russia a un vertice di pace
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Netanyahu: "Voglio un accordo sugli ostaggi ma Hamas riduca le pretese". Usa, Sullivan: "Raggiunta un'intesa di fondo per una tregua"
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla