Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Abbracceresti un musulmano?

Immagine di copertina

Karim Metwaly porta un esperimento sociale che vuole testare i livelli di tolleranza nei confronti dei musulmani a New York City

Il newyorchese Karim Metwaly ha portato a New York l’esperimento sociale che ha l’obiettivo di testare i livelli di tolleranza nei confronti dei musulmani dopo le recenti ondate di presunta islamofobia.

Bendato, è rimasto in piedi a braccia aperte, dichiarando su un cartello di essere musulmano, e invitando chiunque si fidasse di lui ad abbracciarlo.

Questo esperimento sociale è stato soprannominato “la fiducia bendata” ed è stato ideato dalla 24enne canadese Assma Galuta con lo scopo di combattere l’islamofobia, aumentare il senso di fratellanza tra i cittadini e creare un clima positivo in cui convivere.

Il video girato da Assma ha come protagonista un giovane musulmano canadese in una piazza al centro di Toronto.

La reazione dei canadesi ha commosso milioni di persone in giro per il mondo che hanno cominciato a chiedersi se nella loro città sarebbe accaduto lo stesso. Tra queste c’era anche Karim.

“Ho voluto ripetere l’esperimento a New York City,” annuncia Karim all’inizio del video, “una delle città più toste dell’America”.

I newyorchesi saranno stati più o meno tolleranti dei canadesi?

Il video

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”