Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il museo del sesso di New York assume nuovo personale

Immagine di copertina
Una sala del museo del sesso di New York

Fondato nel 2002 a New York, da allora racconta la sessualità in tutte le sue sfaccettature senza censura. Ora cerca un nuovo direttore e degli assistenti di galleria

Il museo del sesso di New York cerca personale e un direttore

A New York ci sono molti musei famosi di arte, come il Metropolitan Museum of Art, il Moma, il Guggenheim e tanti altri, ma ci sono anche musei dedicati ad altre tematiche.

Il Museum of Sex al 233 5th Ave di New York è nato nel 2002,  con lo scopo di raccontare la sessualità in ogni sua sfaccettatura, senza censura.

Il museo ha recentemente comunicato di essere alla ricerca di un nuovo direttore e di personale di galleria.

Il candidato ideale per il ruolo di direttore deve avere almeno tre anni di esperienza nel settore, deve saper concepire e gestire nuovi eventi e ovviamente amministrare tutti gli altri aspetti del museo come quello finanziario.

Le candidature dovranno essere mandate employment@museumofsex.com insieme al curriculum vitae e una lettera di presentazione.

In questo museo vi sono mostre che vanno dalla vita sessuale degli animali a una installazione chiamata “Jump for Joy” la quale, come riportato dal sito ufficiale ” incarna il contesto culturale e la storia di erotismo ispirato ai luna park”.

Inoltre vengono regolarmente ospitate mostre ed eventi come quella di Nobuyoshi Araki, “The incomplete araki: sex, life, and death in the works”, attualmente in corso.

L’intento dell’artista, come dichiarato dal sito stesso del museo, è di “fare fotografie che mantengano la loro incompletezza. Non voglio che perdano la loro realtà, presenza, velocità, calore o umidità. Pertanto, mi fermo e riprendo prima che diventino raffinate o sofisticate”.

Le opere di Araki saranno disponibili sino al 31 agosto 2018.

Tra le mostre attualmente in corso ci sono “celestial bodies: the couples vr experience”, la quale sfrutta la realtà aumentata per farti immergere in una realtà, come riporta il sito stesso,  che “incoraggia gli utenti a muoversi liberamente all’interno dell’ambiente controllato in cui il movimento dell’utente e la partecipazione attiva sono parte integrante dell’esperienza”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna aggredita su un autobus a Teheran perché non porta l’hijab | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna aggredita su un autobus a Teheran perché non porta l’hijab | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”