Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

A Mosul alcune donne e bambini sono stati ricoverati per ferite da armi chimiche

La Croce Rossa internazionale ha riferito che i sette pazienti presentano sintomi riconducibili all'uso di un agente tossico

Di TPI
Pubblicato il 3 Mar. 2017 alle 14:26 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:57
0
Immagine di copertina

Cinque bambini e due donne sono state ricoverati il primo marzo nell’ospedale di Rozhawa, località vicino Mosul, perché presentavano sintomi da esposizione alle armi chimiche. La denuncia arriva dal Comitato internazionale della Croce Rossa.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Gli agenti tossici hanno causato sui sette pazienti vomito, tosse, occhi arrossati e vesciche sulla pelle. Le forze governative stanno combattendo dal 17 ottobre 2016 contro l’Isis per cercare di ottenere il controllo dell’area di Rozhawa.

Il team della Croce rossa sta offrendo supporto agli operatori medici locali. “Siamo profondamente preoccupati da quello che i nostri colleghi hanno visto”, ha detto Robert Mardini, direttore regionale dell’organizzazione. “Condanniamo ogni eventuale uso di armi chimiche, da qualsiasi parte e ovunque”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata 


0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.