Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I legami di Mossack Fonseca con i regimi siriano e nordcoreano

Immagine di copertina

Tra i clienti di Mossack Fonseca ci sono anche 33 persone o aziende che sono state messe nella “lista nera” delle sanzioni degli Stati Uniti

Mossack e Fonseca, lo studio legale con sede a Panama al centro della più grande fuga di documenti riservati della storia, ha assistito un finanziere di alto rango del governo di Bashar al-Assad, Rami Makhlouf, cugino dello stesso presidente siriano.

Nel 2008 gli Stati Uniti avevano imposto sanzioni contro di lui perché aveva “manipolato il sistema giudiziario siriano e utilizzato funzionari dei servizi segreti siriani per intimidire i suoi rivali in affari” e che egli beneficiasse “in modo improprio e favorisse la corruzione pubblica di funzionari del regime siriano”. È nella lista nera anche il fratello, Hafen Makhlouf, dal 2007.

I documenti mostrano, tuttavia, che la società di Panama ha continuato a lavorare con i fratelli Makhlouf, e nel gennaio 2011 ha respinto i consigli di alcuni consulenti che invitavano a tagliare i legami con la famiglia in concomitanza con lo scoppio del conflitto in Siria. 

Un responsabile di Mossack Fonseca scriveva: “Credo che se un individuo si trova su una lista di persone che hanno subito sanzioni, allora questa è una bandiera rossa e dobbiamo fare ogni sforzo per dissociarci da loro”. 

Anche se Mossack Fonseca non era legalmente tenuto a rispettare le sanzioni imposte degli Stati Uniti, aveva invece l’obbligo di reagire alle misure imposte dall’Unione europea nel maggio 2011 e poi estese alle Isole Vergini Britanniche nel giugno dello stesso anno. Ci sono voluti altri mesi, fino al settembre 2011, prima che Mossack Fonseca accettasse di slegarsi dalla società di Makhlouf.

I documenti rivelano inoltre che grazie alle pressioni da parte della banca britannica HSBC, Makhlouf sia stato in grado di mantenere i suoi conti bancari svizzeri aperti durante il primo periodo della guerra in Siria. 

I documenti delineano quindi come Mossack Fonseca, HSBC e funzionari britannici abbiano assistito Makhlouf, la cui famiglia aveva un patrimonio del valore di 5 miliardi di dollari prima della guerra, e controllava il 60 per cento dell’economia siriana, tra cui la società telefonica Syriatel, registrata alle Isole vergini britanniche.  

Tra i clienti di Mossack Fonseca ci sono anche 33 persone o aziende che sono state messe nella “lista nera” delle sanzioni degli Stati Uniti, tra cui società con sede in Iran, Zimbabwe e Corea del Nord.

Alcune delle imprese erano state registrate prima che fossero imposte sanzioni internazionali. Ma in molti casi Mossack Fonseca ha continuato ad agire con questi clienti anche in seguito. 

Ad esempio, la DCB Finance era stata fondata nel 2006 a Pyongyang, è stata poi messa sotto sanzioni dagli Stati Uniti per aver raccolto fondi per il regime nord coreano e per aver finanziato al programma di armamento nucleare del regime. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”