Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il leader dei Taliban Mullah Omar è morto

Immagine di copertina

È morto il Mullah Omar, leader spirituale dei Taliban, secondo quanto annunciato dal governo afghano

Il leader dei Taliban, Mullah Omar, è morto almeno due anni fa in Pakistan, secondo quanto riportato da un portavoce del governo afghano.

Diverse volte, in passato, era già stata annunciata la sua morte, ma le autorità e i Taliban avevano sempre smentito.

Anche in questo caso, non ci sono conferme unilaterali al riguardo, tanto che per alcune ore nel pomeriggio del 29 luglio si era sparsa la notizia, attraverso le parole del portavoce dei Taliban, che il Mullah Omar fosse ancora vivo (vedi tweet sotto).

Resta il fatto che le ultime affermazioni in merito alla sua morte sono state prese più seriamente rispetto a quelle precedenti.

L’attuale governo afghano, eletto lo scorso anno, ha da poco avviato un processo di pace con i Taliban, peraltro promosso dal leader dei Taliban, Mullah Omar.  

A tal proposito, un funzionario della sicurezza pakistano, ha detto all’agenzia stampa Associated Press che le dichiarazioni sulla morte del Mullah Omar sono mera “speculazione” e volte a destabilizzare i negoziati tra governo e Taliban, che si stanno tenendo attualmente in Pakistan.

Il Mullah Omar – leader spirituale dei Taliban – era scomparso dai riflettori nel 2001. (Nella foto qui sotto: il leader dei Taliban Mullah Omar. Credit: Reuters).

L’alleanza del Mullah Omar con il leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden, fu una fra le cause principali per cui gli Stati Uniti decisero di intervenire via terra in Afghanistan nel 2001, in seguito agli attacchi terroristici nel settembre dello stesso anno negli Stati Uniti.  

Il dipartimento di Stato americano aveva messo una taglia di circa 9 milioni di euro sulla testa del leader dei Taliban, uno dei terroristi più ricercati al mondo.

Richard Holbrooke, già inviato speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan e il Pakistan, disse che il Mullah probabilmente si nascondeva nelle montagne al confine tra i due Paesi.

Secondo altre fonti, invece, l’uomo si trovava in Pakistan, un’accusa più volte negata da Islamabad.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa