Folgorato dalle sue cuffie: muore a 16 anni

Sono almeno quattro i casi nel 2018: in tutti gli episodi, le persone avevano le cuffie connesse a un cellulare in carica

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 11 Dic. 2018 alle 11:59 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 12:28
1
Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Un adolescente è stato fulminato a morte mentre ascoltava le cuffie collegate a un cellulare. Il corpo senza vita del sedicenne Mohd Aidi Azzhar Zahrin è stato ritrovato dalla madre, sdraiato immobile sul pavimento e freddo al tatto, riferisce il New Straits Times. Dal suo orecchio usciva sangue. È successo a Rembau, in Malesia.

I primi esami medici condotti sul corpo del giovane non hanno mostrato segni di lividi o lesioni esterne, ma solo alcune ustioni all’orecchio sinistro. L’autopsia fatta in seguito ha confermato che a causare la morta del sedicenne è stata la scarica di elettricità attraverso le cuffiette.

Intanto si è appurato che il ragazzo stesse ascoltando la musica dal suo smartphone mentre il cellulare era in carica. Secondo Seven West Media, il fratello del ragazzo avrebbe avvertito una piccola scossa elettrica quando ha toccato il cavo di ricarica, facendo presente che forse si trattava di un cavo difettoso. La marca del dispositivo non è stata resa nota.

Ma Zahrin non è la prima vittima. Sono almeno quattro le persone morte quest’anno in seguito a una scarica elettrica arrivata dalle cuffie. Nel febbraio scorso, la studentessa di 17 anni Luiza Pinheiro è stata trovata morta sul pavimento della sua casa a Riacho Frio, in Brasile, dopo che “un’enorme carica elettrica” ​​è esplosa nel suo cellulare e le cuffie si sono sciolte nelle sue orecchie, ha riferito NewsCorp.

“La nonna della ragazza ha detto al dottore che hanno trovato la nipote svenuta, distesa sul pavimento e con le cuffie nelle orecchie”, ha detto un dipendente dell’ospedale ai media locali. “Hanno detto che credono che la giovane abbia avuto una scossa elettrica perché il telefono cellulare si stava caricando e il cellulare si era sciolto”.

A maggio, una donna di 46 anni nel villaggio indiano di Kanathur è stata fulminata dopo essersi addormentata ascoltando musica, secondo quanto riportato dal Times of India, con la polizia locale che indicava un cortocircuito come possibile causa dell’incidente.

Poi, un mese dopo, un uomo di 22 anni nel villaggio indiano di Pandyo stava ascoltando musica da un cellulare in carica, mentre l’elettricità in casa era interrotta. Quando è tornata, l’uomo ha ricevuto una scossa elettrica attraverso le sue cuffie ed è stato folgorato, ha riferito NDTV.

Questo non è un problema specifico per i paesi in via di sviluppo. Nel 2014, una donna australiana di 28 anni è stata trovata morta nella sua casa a North Gosford, nel New South Wales, dopo essere stata fulminata da un cavo USB che stava usando per caricare il suo telefono mentre ascoltava musica con le cuffie. In quel caso, lo shock fatale è stato almeno parzialmente attribuito a un dispositivo di ricarica difettoso, ha riferito l’ABC.

Le indagini hanno accertato che il caricabatterie in questione non era conforme agli standard australiani e il Commissario di Fair Trading Rod Stowe ha lanciato un avvertimento sui pericoli inerenti all’uso di prodotti non approvati.

“Questi dispositivi rappresentano un serio rischio di elettrocuzione o incendio”, affermava all’epoca, e il Dipartimento di commercio equo e solidale dell’Australia ha messo in guardia dall’usare qualsiasi dispositivo mentre è collegato e in carica.

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.