Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il caso che fa capire la portata dell’epidemia di overdose per oppiacei negli Stati Uniti

Immagine di copertina

In Pennsylvania due supervisori dovevano sostenere le persone ricoverate nel Chester County District, ma sono rimaste vittime della loro dipendenza della droga

Due persone sono morte per un’overdose di eroina e fentanyl in un centro di recupero per tossicodipendenti in Pennsylvania. Fin qui, la notizia potrebbe non sorprendere. Ma la storia ha un risvolto inaspettato: le due vittime della droga erano in realtà due consulenti della struttura che avevano l’incarico di aiutare le persone ricoverate a superare le loro dipendenze. 

La morte di queste dei due supervisori ha riportato in primo piano il dibattito sull’epidemia di oppiacei negli Stati Uniti. Secondo i dati dei ricercatori della Columbia University i decessi per droga nel paese sono stati oltre 52mila nel 2015. Quelli legati all’uso di oppiacei sono stati 33mila. Dal 1999 al 2015 le vittime della droga sono state 560mila. 

Il fenomeno si è intensificato in Pennsylvania e negli stati circostanti da quando il fentanyl è stato introdotto sul mercato illegale della droga. Questa sostanza viene sempre più spesso mescolata all’eroina per aumentare la potenza della dose. E renderla di conseguenza anche più pericolosa.

È anche per questo che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare l’epidemia di overdose da oppiacei più letale della loro storia. 

“I membri dello staff che avevano il compito di fare da supervisori ai tossicodipendenti ricoverati, hanno ceduto alle loro stesse dipendenze e sono morti per un’overdose. Gli oppiacei sono un mostro che sta lentamente consumando la nostra popolazione”, ha scritto in una nota Tom Hogan, rappresentante legale della struttura Chester County District.

I tentativi di rianimare le due persone con il naloxone, un antidoto per le overdose, si sono rivelati vani. 

Non è raro che chi lavora per aiutare i tossicodipendenti abbia una storia precedente di abuso di droghe. Spesso le esperienze personali possono aiutare nella guida ai pazienti. In quest’occasione, però, non si sono verificate le condizioni ottimali perché la loro dipendenza potesse essere di esempio dato che non erano nei fatti riuscita a superarla. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / La Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli