Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il monitoraggio dell’attività vulcanica può diventare una risorsa per l’Etiopia

Immagine di copertina

Nella regione dell’Africa orientale sono presenti in tutto 100 vulcani che sono stati attivi nell’arco degli ultimi 10mila anni. Questa parte del continente si sta lentamente disgregando a una velocità inferiore a quella con cui crescono le unghie umane, e i dirupi lungo il profondo lago Tanganica sono il risultato di questa lenta diffusione, ma prima che il distacco sia definitivo è previsto che passino ancora milioni di anni.

Questo processo di disgregazione continentale è fortemente associato ai vulcani perché, quando si verificano questi grandi spostamenti della crosta terrestre, la roccia fusa emerge dagli strati più interni del globo emergono in direzione della superficie, formando i vulcani. Attualmente la maggior parte dei vulcani dell’Africa orientale sono dormienti, ma in futuro potrebbero riprendere l’attività.

Circa il 25 per cento di questi vulcani ha avuto eruzioni negli ultimi 100 anni, e non sono da escludere nuove eruzioni nei prossimi decenni. Quando queste eruzioni hanno luogo può capitare che ci siano dei segnali ad anticiparle, come avvenuto nel caso del Nabro, un vulcano al confine tra Eritrea ed Etiopia che eruttò sette anni fa.

All’epoca, tuttavia,in Eritrea non esisteva un servizio di monitoraggio vulcanico e l’eruzione fu osservata prima di tutto dagli scienziati internazionali dallo spazio. L’eruzione uccise sette persone e distrusse le abitazioni di altre 12mila, oltre a creare problemi per giorni al traffico aereo dell’area.

RiftVolc è un gruppo di scienziati del Regno Unito e dell’Etiopia che, proprio per evitare episodi come quello del Nabro, monitora i vulcani meno conosciuti, anche nei luoghi più remoti, in un raggio di circa 300 chilometri che copre circa il 15 per cento dei vulcani del’Africa orientale.

Il lavoro fatto da organizzazioni come questa riesce a limitare i danni di catastrofi naturali e, oltre a questo, porta altri benefici per ragioni completamente diverse. In questo modo sono infatti stati individuati lungo diverse aree della Rift Valley etiope un gran numero di gas e fluidi vulcanici caldi, molti dei quali possono essere utilizzati come sorgenti termali per creare un’industria fatta di resort e spa.

Non è questa però l’unico possibile modo per utilizzare queste risorse. I fluidi vulcanici possono ad esempio trasformare le rocce in argilla, servendo come materia prima eccellente per la ceramica.

L’alta concentrazione di vulcani attivi nella zona del Rift offre inoltre una grande opportunità di sviluppo dell’energia geotermica, perforando in profondità per generare energia dalla terra e creare elettricità: investimenti significativi nello sviluppo di questa energia su vulcani inattivi potrebbe fare dell’Etiopia un colosso energetico regionale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli