Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Mitsubishi ammette di aver truccato i test anti smog dall’inizio degli anni Novanta

Immagine di copertina

I test anti smog fuori norma sarebbero stati effettuati su quattro modelli di minicar, per un totale di 625mila vetture: le quotazioni in borsa crollano del 10 per cento

L’azienda automobilistica Mitsubishi ha ammesso martedì 26 aprile di aver truccato i test per certificare le emissioni delle sue automobili in modo da essere in regola con i parametri richiesti dal Giappone.

La pratica scorretta è stata adottata dal gruppo nipponico per almeno venticinque anni, a partire dal 1991. I test anti smog fuori norma sarebbero stati effettuati su quattro modelli di minicar, per un totale di 625mila vetture.

Secondo alcuni analisti i modelli “truccati” sarebbero addirittura dodici e le auto coinvolte almeno un milione.

La Mitsubishi ha interrotto la produzione e la vendita dei modelli incriminati. Il costruttore di auto dovrà inoltre pagare le tasse e restituire le sovvenzioni accordate dal governo per le erronee indicazioni riportate.

Lo scandalo potrebbe costare alla casa automobilistica l’intero utile per l’anno fiscale 2015, pari a oltre 100 miliardi di yen (circa 800 miliardi di euro).

Le quotazioni nella Borsa di Tokyo di Mitsubishi sono crollate del 10 per cento e in una settimana il titolo ha ceduto circa la metà del suo valore rispetto a prima delle ammissioni.

Quindici anni fa la Mitsubishi fu investita da uno scandalo su una sistematica copertura dei difetti dei veicoli che portarono la casa nipponica vicina al fallimento.

La vicenda ha immediatamente richiamato lo scandalo Dieselgate di Volkswagen. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia