Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I minori non accompagnati del campo profughi di Calais saranno presto trasferiti nel Regno Unito

Immagine di copertina

I bambini che hanno parenti oltremanica saranno trasferiti nel paese prima che le autorità francesi chiudano la "Giungla"

I funzionari francesi e britannici hanno cominciato a registrare i minori non accompagnati nel campo profughi di Calais per stabilire quali verranno trasferiti nel Regno Unito.

Secondo quanto appreso dalla Bbc, nei prossimi giorni un numero significativo di bambini rifugiati, oltre 300, verranno portati oltremanica per ricongiungersi con i parenti che già vivono nel paese. 

La legislazione europea, infatti, stabilisce che i minori non accompagnati hanno il diritto di richiedere asilo nei paesi in cui hanno famiglia e la legge britannica stabilisce che sia il governo del Regno Unito a doversi occupare del loro trasferimento.

Dato l’imminente chiusura della “Giungla” da parte delle autorità francesi, il ministro dell’Interno britannico Amber Rudd ha dichiarato che il governo intende trasferire il prima possibile i bambini.

Tuttavia, l’organizzazione non governativa Safe Passage che sta collaborando con le autorità ha fatto sapere che non esiste ancora alcun piano operativo.

Inoltre, le amministrazioni locali hanno richiesto fondi aggiuntivi per sostenere il ricollocamento dei bambini nelle comunità di arrivo.

Anche sul fronte francese sono sorti dubbi in merito all’effettiva capacità delle autorità di trovare soluzioni alternative al campo di Calais, nonostante le promesse del governo Hollande.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino