Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Militari italiani in Libia, parte la missione Ippocrate

Immagine di copertina

Trecento militari sono arrivati a Misurata per allestire un ospedale da campo dopo che il governo Serraj ha chiesto assistenza medica per le forze impegnate contro l'Isis

Sono arrivati la settimana scorsa in Libia i trecento militari italiani della missione Ippocrate che, come il nome suggerisce, avrà la funzione di fornire assistenza medica alle forze libiche.

Il contingente italiano, guidato dal generale Antonio Magigi, è sbarcato a Misurata, circa 200 chilometri a est di Tripoli, nella notte tra il 21 e il 22 settembre. 

Dei trecento militari, 65 sono personale medico che presterà servizio in un ospedale da campo in allestimento, cento sono paracadutisti addetti alla protezione della struttura ospedaliera e 135 personale addetto alla logistica.

L’ospedale da campo (denominato Role 2) sarà operativo entro metà ottobre, avrà una capacità di 50 posti letto, di cui due riservati alla terapia intensiva, e diversi reparti tra cui pronto soccorso, radiologia e laboratorio analisi.

Provvisoriamente verrà allestito un ospedale da campo più piccolo (Role 1) dotato di 12 posti letto con un pronto soccorso e un centro trasfusionale.

La struttura medica avrà anche a disposizione un mezzo aereo dell’aeronautica militare per l’evacuazione d’urgenza e un mezzo navale con funzione di supporto.

La missione italiana è stata attivata in seguito alla richiesta del governo libico del primo ministro Fayez al-Serraj di assistenza sanitaria per le forze armate impegnate nella lotta all’Isis sul territorio libico.

Tra il personale medico inviato in Libia ci sono infatti specialisti nel trattamento dei feriti di guerra e chirurgia d’urgenza. Inoltre, un team sarà incaricato di fornire assistenza e consulenza al personale medico locale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”