Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il corto in realtà virtuale per rivivere l’esperienza dei migranti dal Messico agli Stati Uniti

Immagine di copertina

Alejandro González Iñárritu ed Emmanuel Lubezki, entrambi vincitori di premi Oscar, sono i due artisti di origine messicana che hanno creato il progetto “Carne y Arena”

Alejandro González Iñárritu, regista vincitore di quattro premi Oscar, ed Emmanuel Lubezki, direttore della fotografia che di Oscar ne ha vinti tre, sono gli autori di “Carne y Arena”.

Si tratta di un cortometraggio di sei minuti presentato al Festival di Cannes 2017 che intende immergere gli spettatori in una vera e propria esperienza sensoriale grazie all’utilizzo della realtà virtuale.

I due artisti di origine messicana hanno dato sfogo alle loro capacità per far vivere ad altri un pezzo del viaggio compiuto da un gruppo di rifugiati che sta cercando di entrare negli Stati Uniti d’America dal Messico e si ritrova a costeggiare il muro che separa i due paesi vicino all’Arizona.

Con l’utilizzo della realtà virtuale, gli spettatori non solo possono ascoltare e vedere le storie dei migranti, ma possono provare sulla loro pelle le sensazioni vissute durante il viaggio.

Il corto, infatti, mette in scena fatti realmente accaduti e permette di incontrare, nel mondo reale, i personaggi virtuali protagonisti del film, in uno spazio che diventa una vera e propria istallazione artistica che va oltre il concetto di film.

Il cinema tradizionalmente inteso viene superato dal progetto dei due artisti che hanno pensato di far vivere questa esperienza ad uno spettatore per volta.

Si entra in una stanza colma di scarpe, scarpe vere di persone vere, perse nel deserto da chi ha tentato la traversata. Solo dopo essersi tolte le proprie, a piedi nudi, e solo dopo l’avvio di un allarme, è possibile accedere all’arena, il luogo deputato alla messa in scena degli eventi.

A quel punto si entra in una sala il cui terreno è ricoperto di sabbia per aiutare l’immedesimazione. Dopo che degli addetti sistemano uno zaino sulle spalle dello spettatore, il visore sugli occhi e le cuffie sulle orecchie, comincia il viaggio.

L’istallazione, che ha ottenuto grande visibilità sui media internazionali, sarà riproposta dal 7 giugno al 15 gennaio 2018 alla fondazione Prada di Milano, che insieme alla Legendary Entertainment è produttrice del progetto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Esteri / La moglie di Alexei Navalny: “Putin è un mafioso sanguinario, non un politico”
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Esteri / La moglie di Alexei Navalny: “Putin è un mafioso sanguinario, non un politico”
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo
Esteri / Trovati morti conduttore tv e il fidanzato steward: arrestato agente di polizia
Esteri / Biennale di Venezia: migliaia di artisti, curatori e direttori di musei chiedono di escludere Israele. Il ministro Sangiuliano: “No agli intolleranti”
Esteri / Francia: sequestrate 72 armi da fuoco ad Alain Delon
Esteri / Russia: l’attivista per i diritti umani Oleg Orlov condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere per un post su Fb