Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

55mila migranti hanno scelto di lasciare volontariamente la Germania

Immagine di copertina

Perlopiù si tratta di persone provenienti dai Balcani, ma anche iracheni e afghani. I migranti rimpatriati sono stati invece meno della metà

Il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung (Sz) ha diffuso le statistiche relative al periodo gennaio-novembre 2016 dell’Ufficio per la migrazione e i rifugiati, rivelando che 55mila migranti hanno scelto di lasciare volontariamente il paese, più del doppio di quelli che invece sono stati rimpatriati.

Nel 2015 sono arrivati sul territorio tedesco circa 890mila richiedenti asilo. Nel 2016, 25mila migranti sono stati rimpatriati, in particolare quelli provenienti dalla regione balcanica che non possono vantare alcun diritto d’asilo in Germania.

Tuttavia, circa 15mila albanesi hanno scelto di lasciare volontariamente il paese, insieme a 5mila serbi e 5mila kosovari. Anche 5mila iracheni e oltre 3.200 afghani – due delle nazionalità che, insieme ai siriani, hanno presentato il maggior numero di richieste d’asilo – sono partiti dalla Germania.

Chi sceglie volontariamente di lasciare il paese prima che venga respinta la domanda di asilo, gode di alcuni vantaggi finanziari: secondo Sz, il governo tedesco eroga in media circa 4.200 euro a una famiglia di cinque persone, cui si aggiunge il sostegno economico garantito dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim).

Inoltre, Berlino punta a inaugurare un programma di sviluppo dedicato ai migranti per aiutarli a reintegrarsi nei loro paesi di origine. I primi a beneficiare del piano, per il quale sono stati stanziati 150 milioni di euro in tre anni, saranno Marocco, Tunisia, Nigeria, Kosovo, Serbia e Albania.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo