Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il migrante afghano accolto in Lituania dopo aver pubblicato un video su YouTube

Immagine di copertina

Un giovane rifugiato afghano di 22 anni è stato protagonista di una storia a lieto fine, dopo essere fuggito dal suo paese e aver raggiunto un campo profughi in Grecia

Abdul Basir Yoususi, un giovane migrante afghano di 22 anni, è stato protagonista di una storia a lieto fine dopo essere fuggito dal suo paese e aver raggiunto un campo profughi in Grecia.

Il 30 marzo, mentre si trovava bloccato in un centro d’accoglienza greco dopo un viaggio di due mesi, il ragazzo è stato intervistato dal reporter Josh Friedman per un video pubblicato su YouTube, nel quale ha inaspettatamente fatto un appello alla presidente lituana Dalia Grybauskaite.

Yoususi aveva infatti lavorato in passato come interprete per l’esercito lituano impegnato nella lotta ai taliban in Afghanistan, e rivolgendosi in lingua lituana alla videocamera, ha detto: “Ho una richiesta per la presidente: ho bisogno d’aiuto, attualmente mi trovo in Grecia. Ho sentito che la Germania ha un sacco di soldi, ma io voglio venire in Lituania, parlo la vostra lingua”.

Dopo che le forze lituane hanno lasciato la provincia afghana di Ghor nel 2013, Yoususi ha ricevuto diverse lettere minatorie, che lo hanno spinto a partire per un viaggio della speranza costatogli circa 5.700 euro.

Questo il filmato:

Fonte: Josh Friedman via YouTube 

Il video ha rapidamente fatto il giro d’Europa, ed è evidentemente stato visto anche in Lituania, se è vero che il 6 aprile il ragazzo è stato accolto all’aeroporto della capitale Vilnius, con un visto temporaneo di cinque giorni per chiedere asilo per sé, sua moglie e sua figlia di due anni.

“Ho solo bisogno di una cosa: restare qui”, ha detto ai giornalisti giunti all’aeroporto. Fino all’approvazione ufficiale della domanda, Yoususi potrà vivere nel campo d’accoglienza della cittadina lituana di Rukla.

Qui il video dell’arrivo all’aeroporto di Vilnius:

Afghan Refugee Lands in Lithuania

This Lithuanian-speaking Afghan refugee has been granted asylum after his YouTube plea from the Greek border went viral.

Pubblicato da AJ+ su Domenica 10 aprile 2016

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Esteri / Sposa una bambola di pezza: matrimonio con 250 invitati e viaggio di nozze
Esteri / Zambia, acque infestate da vermi che depongono le uova nel corpo delle donne con conseguenze mortali
Esteri / Usa, strage di migranti in Texas: 46 persone trovate morte asfissiate all’interno di un camion
Esteri / Guerra in Ucraina, Turchia ritira il veto: via libera a Svezia e Finlandia nella Nato. Lavrov: "Più armi invia l'Occidente, più durerà la guerra"
Esteri / Ucraina, raid contro centro commerciale: “Dentro almeno mille persone”
Esteri / Tenta di fuggire dal marito dell’amante: uomo precipita dal quarto piano e muore sul colpo
Esteri / Usa, Ocasio-Cortez: “Sono stata violentata a 20 anni, grazie a Dio potevo scegliere se abortire”