Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migliaia di cittadini birmani sono fuggiti in Cina dopo gli scontri tra esercito e ribelli

Immagine di copertina

Geng Shuang, portavoce del ministro degli Esteri di Pechino, ha affermato che il governo cinese offre protezione umanitaria a chi scappa dalla guerra in Birmania

Più di 20mila persone del nord della Birmania hanno trovato rifugio in Cina. Si tratta di cittadini che scappano dai sanguinosi combattimenti in corso nel paese tra i gruppi etnici ribelli e l’esercito.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Geng Shuang, portavoce del ministro degli Esteri di Pechino, ha affermato il 9 marzo che il governo cinese offre protezione umanitaria a chi fugge dalla guerra.

Gli ultimi scontri sono stati registrati nella regione di Shan, uno stato del nord-est del paese nel quale le violenze vanno avanti da novembre 2016. La situazione allontana il raggiungimento della pace auspicato dalla leader birmana Aung San Suu Kyi. 

Lunedì 6 marzo 2017 trenta persone sono morte a Lukkai in un attacco. L’esercito per l’alleanza democratica nazionale della Birmania ha dichiarato di aver attaccato Lukkai per contrastare la pressione militare esercitata sui gruppi etnici della zona che non hanno ancora raggiunto accordi di pace a livello nazionale. 

Gli abitanti della zona di confine hanno molti contatti culturali e linguistici con la Cina. “La Cina sostiene il processo di pace in Birmania e spera che le parti usino strumenti pacifici per risolvere le loro differenze attraverso il dialogo e le consultazioni”, ha aggiunto Geng.

Tra le principali minacce alla stabilità della Birmania c’è anche la protesta della minoranza musulmana Rohingya contro la persecuzione subita da decenni. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”