Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Michelle Obama: “Le mie figlie concepite in vitro, venti anni fa ho abortito e mi sono sentita sola”

Immagine di copertina
Michelle Obama. Credit: AFP

L'ex first lady, alla vigilia del suo libro di memorie "Becoming", ha rivelato di alcuni aspetti della sua vita privata di cui non aveva mai parlato: dai problemi ad avere un bambino alla terapia di coppia con Barack Obama

Venti anni fa Michelle Obama ebbe un aborto spontaneo e le sue due figlie, Malia e Sasha, sono nate con la fecondazione in vitro. L’ex first lady lo rivela in una lunga intervista concessa ad ABC, in occasione dell’uscita del suo libro di memorie Becoming.

Durante l’intervista, Michelle Obama confessa di essersi sentita “sola e persa” dopo l’aborto. Alla base di questo sentimento, il fatto che la donna non sapesse quanto fosse comune perdere un bambino, perché “non si parla di queste cose”.

La signora Obama racconta l’episodio doloroso anche nel suo libro: “Stavamo cercando di avere un bambino e non stava andando bene”, dice Michelle, oggi 54 anni.

“Un test di gravidanza positivo ci ha fatto dimenticare le preoccupazioni e svenire di gioia, ma un paio di settimane dopo ho avuto un aborto, che mi ha lasciato fisicamente a terra e ha ucciso ogni ottimismo che avevamo”, continua ancora l’ex first lady.

Il libro scritto da Michelle Obama si intitola Becoming e in questo la moglie del 44esimo presidente degli Stati Uniti racconta le difficoltà di quel momento. Il suo “dolce, attento marito” era, infatti, impegnato nella sua attività politica, “lasciandomi in gran parte da sola”.

La scelta della fecondazione in vitro

“Mi sono sentita persa e sola. Come se avessi fallito perché non sapevo come funzionassero gli aborti spontanei. Perché non si parla di queste cose. Ce ne stiamo nel nostro dolore e pensiamo che in qualche modo ci si è spezzato qualcosa dentro”, dice ancora durante l’intevista.

A proposito della sua gravidanza, Michelle dice: “L’orologio biologico è vero. Perché la riproduzione è limitata. E io l’ho realizzato quando avevo 34 e 35 anni. Per questo ho scelto la fecondazione in vitro. Io credo che la cosa peggiore che facciamo a noi stesse come donne sia il fatto di non condividere la verità sui nostri corpi e su come funzionano”.

Le critiche a Trump

Nel libro come nell’intervista, l’ex first lady non manca di criticare l’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Secondo Michelle Obama, Trump mette “a rischio la sicurezza” della sua famiglia, prima di tutto con la teoria del complotto sull’effettiva cittadinanza del marito, Barack Obama. La questione del certificato falso “era una pazzia e una meschinità, con nascoste intolleranza e xenofobia. Ma era anche pericolosa”, scrive in Becoming.

La preoccupazione di Michelle è stata ed è soprattutto per le sue due figlie: “E se qualcuno carica una pistola e viene a Washington? E se andasse a cercare le mie ragazze? Trump, con le sue innumerevoli e sconsiderate allusioni, mette a rischio la sicurezza della mia famiglia. E per questo non lo perdono”, dice ad ABC.

E lo attacca anche per la registrazione di Access Hollywood del 2005, pubblicata poco prima delle elezioni del 2016, e in cui Trump si lascia andare a commenti volgari contro le donne, vantandoli di poterle agguantare per i genitali. “I commenti” contenuti nella registrazione vogliono dire “posso farti del male e passarla liscia”, aggiunge.

Terapia di coppia con Barack

Nell’estratto diffuso da ABC, ha anche detto di aver fatto terapia di coppia insieme al marito: “Per i giovani là fuori che pensano che il matrimonio è facile, voglio dire che il counseling matrimoniale è stato un modo per noi per parlare delle nostre differenze”, rivela.

E ancora: “Quello che ho imparato su di me è che la mia felicità dipende da me e ho cominciato a lavorare sulle soluzioni, a chiedere aiuto di più ad altre persone. Ho smesso di sentirmi colpevole. È importante per me prendermi cura di me stessa. Conosco troppe giovani coppie che stanno combattendo e che pensano che in qualche modo c’è qualcosa di sbagliato in loro. Io voglio dire loro che Michelle e Barack Obama, che hanno un matrimonio fenomenale e che si amano, hanno lavorato sul loro matrimonio”.

Leggi anche: Dal matrimonio con Barack ai primi anni all’Università: Michelle Obama si racconta in una serie di foto

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli