Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump si è dimesso

Immagine di copertina

Il generale in pensione Michael Flynn, uno degli uomini più fidati del neo presidente degli Stati Uniti, è la prima defezione all'interno della squadra di governo

Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è dimesso lunedì 13 febbraio 2017. Michael Flynn, generale in pensione, è stato travolto dalle critiche dopo che è emerso che aveva discusso con l’ambasciatore russo a Washington delle sanzioni a Mosca, e precisamente della possibilità di rivederle, prima ancora dell’insediamento del nuovo inquilino della Casa Bianca, quindi da privato cittadino e commettendo un illecito, senza poi riferirne integralmente all’amministrazione.

Era diventato, insomma, un punto di vulnerabilità per la squadra Trump e si era reso potenzialmente ricattabile da parte della Russia, suscitando le perplessità di altri membri dell’esecutivo, finché il presidente non ha deciso di sottrargli il proprio appoggio, nonostante Flynn sia stato un suo sostenitore della prima ora e uno dei suoi più fidati consiglieri in materia di politica estera. Nella serata di lunedì, sono arrivate allora le dimissioni, prima defezione in seno all’amministrazione guidata dal magnate newyorkese.

Joseph Keith Kellog è stato immediatamente nominato consigliere ad interim, ma tra i possibili successori di Flynn spunta un altro nome noto, quello di David Petraeus, già direttore della CIA, comandante dell’International security assistance force in Afghanistan, comandante del Centcom (il centro di comando che supervisiona le attività militari degli Stati Uniti in Afghanistan, Pakistan, Asia centrale, penisola arabica ed Egitto) e comandante della Forza multinazionale in Iraq.

— LEGGI ANCHE: Tutti gli uomini (e le donne) del presidente Trump

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio