Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La metà del territorio dell’Europa e dell’Asia è scomparsa negli ultimi 60 milioni di anni

Immagine di copertina

Uno studio geologico rivela come 60 milioni di anni fa la Terra presentasse il doppio delle terre emerse in Europa e Asia, e offre un'ipotesi sulla loro destinazione

Come ha fatto una porzione di India e Eurasia pari alla metà
della loro massa a scomparire? Non si deve all’improvviso trucco di un
prestigiatore, ma al fatto che a partire da 60 milioni di anni fa le
due placche tettoniche che formano il blocco eurasiatico hanno cominciato a scontrarsi all’altezza dell’Himalaya, e da allora abbiano notevolmente ridotto la loro
grandezza.

Ora una nuova ricerca volta ad approfondire il “mistero della
crosta mancante” e pubblicata il 19 settembre sulla rivista Nature Geoscience da David Rowley e
altri colleghi dell’Università di Chicago, ha preso in esame la quantità di
massa di terre emerse che si suppone dovesse formare le due grandi placche e l’ha
confrontata con quella attuale.

Anche dopo aver considerato che l’impatto ha prodotto la
catena montuosa dell’Himalaya, cosa già nota ai geologi, Rowley e i suoi
colleghi non sono inizialmente riusciti a spiegarsi dove fosse finita la metà
della massa originaria dell’India e dell’Eurasia, e hanno ipotizzato che sia
lentamente scivolato nella fascia al di sotto della crosta, denominata mantello.

Se però la crosta oceanica può scivolare verso il basso nel
mantello e mescolarvisi, la cosiddetta crosta continentale è meno densa, e
finora si è pensato che non potesse mischiarsi con i materiali del mantello,
venendo respinta verso l’alto a formare catene montuose.

“Un tempo si pensava che il mantello e la crosta
interagissero solo relativamente”, ha dichiarato il team di
ricercatori in un comunicato. “Questo lavoro suggerisce che, almeno in
determinate circostanze, ciò non è vero. Se abbiamo già considerato tutte le
possibili soluzioni sulla superficie, significa che la massa restante deve essere finita nel mantello”.

Qualsiasi studente di geologia potrebbe confermare che quest’ipotesi
è stata finora sempre scartata, vista la presunta incapacità di interagire tra
crosta e mantello.

Lo studio potrebbe anche spiegare alcuni misteri geochimici,
come ad esempio il fatto che le eruzioni vulcaniche a volte facciano emergere
elementi come il piombo e l’uranio che non sono molto comuni nel mantello, e lo
sono invece nella crosta continentale.

“L’implicazione del nostro lavoro è che, se guardiamo
al sistema di collisione tra India e Asia come un processo continuo nel corso
della storia della Terra, vi è stato un continuo rimescolamento degli elementi
crostali continentali nel mantello”, ha detto Rowley.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "La Russia nel Donbass sta commettendo un genocidio". Bombardamenti su Kharkiv: 9 vittime civili
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "La Russia nel Donbass sta commettendo un genocidio". Bombardamenti su Kharkiv: 9 vittime civili
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”