Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”

Immagine di copertina
Credit: EPA/CLEMENS BILAN

L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”

“Oggi provo gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto”. Lo ha detto Angela Merkel alla cerimonia tenuta ieri a Berlino, lo Zapfenstreich, che ha celebrato la fine dei 16 anni al governo della prima donna cancelliera di Germania. Nel suo breve discorso, ha detto di aver trascorso “anni movimentati e spesso molto impegnativi”, che l’hanno sfidata “politicamente e umanamente e, allo stesso tempo, sono stati anche appaganti”. Merkel ha anche rivolto un pensiero a chi “sta lottando per salvare vite”, negli ospedali tedeschi alle prese con la emergenza pandemica, poche ore dopo aver annunciato nuove restrizioni per i non vaccinati e la possibile introduzione di un obbligo vaccinale a partire da febbraio. “Vorrei incoraggiare a guardare sempre il mondo con gli occhi degli altri”, ha detto.

La cerimonia è stata accompagnata dalla banda dell’esercito, che accanto a Beethoven e a brani tradizionali ha anche suonato un brano pop degli anni ’70,  “Du hast den Farbfilm vergessen” (“Hai dimenticato la pellicola a colori”) di Nina Hagen, su richiesta della cancelliera uscente. “Una hit della giovinezza nella Ddr”, ha spiegato Merkel in conferenza stampa qualche ora prima, che ha parlato della canzone come “uno dei momenti salienti della mia giovinezza”. Le altre due scelte della Merkel sono cadute sul Te Deum e sulla canzone “Für mich soll’s rote RosLen regnen” (“Dovrebbero piovere rose rosse per me”) di Hildegard Knef. L’evento, al quale hanno preso circa 200 invitati rispetto ai 600 dello Zapfenstreich di Schroder, si è concluso con con “Ich bete an die Macht Liebe” (“Prego alla forza dell’amore”), una brano tradizionale suonato alla cerimonia sin dalle dalle guerre napoleoniche.

Nei prossimi giorni Merkel passerà il testimone a Olaf Scholz, che diventerà il primo socialdemocratico a guidare il governo tedesco dal 2005. L’insediamento di Scholz, che è stato ministro delle Finanze nel quarto governo Merkel, è previsto per l’inizio della prossima settimana, al più tardi mercoledì 8 dicembre. Il giorno successivo il nuovo cancelliere dovrà infatti prendere parte a un vertice internazionale tenuto dal presidente statunitense Joe Biden.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica