Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Arizona, medico annuncia via Twitter che i posti letto in terapia intensiva sono finiti e viene licenziato

Immagine di copertina

Arizona, medico annuncia via Twitter che i posti in terapia intensiva sono finiti e viene licenziato

È successo in Arizona, ad un medico che ha informato i cittadini di quello che stava accadendo nell’ospedale dove lavorava, lo Yuma Regional Medical Center. Il medico, Cleavon Gilman, ha spiegato via Twitter che i posti letto in terapia intensiva nello Stato dell’Arizona erano finiti e il suo post, che risale al 22 novembre, in pochissimo tempo è diventato virale con tantissime condivisioni e like. Il giorno seguente, il medico è stato contattato dall’azienda sanitaria per cui lavora ed è stato licenziato. E, mentre l’ospedale spiega che si è trattato di un malinteso, persino il neo presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è congratulato con il medico: “Siamo al tuo fianco”, si legge su Twitter.

Gilman, veterano della guerra in Iraq, ha lasciato New York per trasferirsi con la famiglia in Arizona lo scorso giugno per combattere in prima linea un’altra guerra, quella contro il Covid, e spesso ha utilizzato il suo account Twitter per denunciare le disuguaglianze sanitarie e condividere storie che potessero sensibilizzare i cittadini. Ad un giornale locale, il medico ha spiegato: “Non posso tacere mentre muoiono più di 2mila persone ogni giorno. Che tipo di medico sarei? Che tipo di funzionario pubblico sarei? Non posso vivere con il silenzio che mi chiedono”. Riguardo il licenziamento, Gilman ha spiegato: “Mi hanno detto che era a causa dei tweet e non potevo crederci, perché si trattava di informazioni accurate che ho pubblicato per informare i cittadini. È una grave ingiustizia e non sta accadendo solo a me. I medici di tutto il mondo hanno paura di parlare”.

L’azienda in questione ha però spiegato di non aver licenziato il medico: al Washington Post ha anzi affermato che il medico avrebbe fatto ritorno al pronto soccorso durante il fine settimana.

Leggi anche:

1. “Terme benefiche per il Covid, col certificato medico il Dpcm non vale”: la pubblicità di un hotel sul Corriere / 2. Usa, Fda autorizza vaccino Pfizer. Trump: “Miracolo medico, somministrazioni al via entro 24 ore”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”
Esteri / C'è anche Macron nella lista dei probabili spiati col software Pegasus