Covid ultime 24h
casi +16.310
deceduti +475
tamponi +260.704
terapie intensive -2

“Terme benefiche per il Covid, col certificato medico il Dpcm non vale”: la pubblicità di un hotel sul Corriere

"I fanghi fanno bene contro il Covid, con l’impegnativa del medico può raggiungerci anche da fuori regione, menù di galà per la Vigilia di Natale e Capodanno": la pubblicità sul Corriere della Sera

Di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato il 7 Dic. 2020 alle 16:12
23
Immagine di copertina

“L’idea per la vacanza di Natale? Hotel con Spa e piscine termali!”. Fin qui, la proposta di una struttura ad Abano Terme, in provincia di Padova, che ha comprato uno spazio promozionale sul Corriere della Sera di domenica 6 dicembre, potrebbe anche essere normale. Salvo leggere il resto, che lascia piuttosto sconcertati, anche perché appare su una pagina in cui l’articolo principale è “Strano Natale, saremo divisi”, con la storia di una famiglia che non potrà stare insieme perché i componenti sono residenti in sei comuni diversi.

Il quesito successivo della pubblicità per il lettore è: “Sai che il trattamento di fango-balneo-terapia stimola le funzioni immunitarie?”. Messaggio che durante un’epidemia ha un che di ambiguo, ma andiamo avanti. “E sai che basta un’impegnativa per la fangoterapia o una prescrizione per terapie termali come motivo medico per spostamenti tra regioni? Vieni a farti del bene ai GB hotel di Abano Terme: da 96 euro al giorno con pensione completa gourmet, menù di gala la vigilia di Natale e a Capodanno, libero accesso alla piscina termale, alle spa e alle palestre”.

In pratica, un suggerimento su come fare le vacanze-terapia in un’altra regione aggirando furbescamente le limitazioni imposte dal Dpcm. Omettendo però, ad esempio, che le cene negli hotel sono vietate, se non tramite servizio in camera. Dunque “il menù di gala” si mangia, al massimo, sul copriletto. E buttando lì il suggerimento di andare dal medico a farsi prescrivere un’urgente, impellente necessità di bagni termali per combattere, che so, una dermatite e intanto passare le feste tra piscine e palestre che altrove sono chiuse.

Chissà cosa succederebbe se tutti gli hotel termali del paese si riempissero di persone che si fanno prescrivere l’urgente fango-terapia. Certo, l’iniziativa funzionerà e qualche hotel fatturerà pure qualcosa sotto le feste, ma a che prezzo? Ad occhio, ben più alto di quello di una suite.

Leggi anche: Ho osato dire che le piste da sci vanno chiuse e mi è arrivata una valanga di insulti (anche da due campionesse azzurre) – di Selvaggia Lucarelli

23
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.