Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Medici senza frontiere ritirerà il suo personale da sei ospedali in Yemen

Immagine di copertina

La decisione arriva a pochi giorni dall'ennesimo attacco aereo contro un ospedale gestito dall'organizzazione, in cui sono morte almeno 19 persone

Medici Senza Frontiere ha dichiarato di voler ritirare il suo personale da sei ospedali nel nord dello Yemen dopo l’attacco aereo della coalizione a guida saudita che lo scorso 16 agosto ha colpito un ospedale, uccidendo almeno 19 persone nel distretto di Abs.

L’organizzazione francese ha detto in una dichiarazione che continuare a rimanere nei governatorati di Saada e Hajjah era “pericoloso sia per i pazienti che per il personale”.

Hanno aggiunto che gli ospedali rimarranno in gestione del personale locale. 

Medici senza frontiere denuncia il fatto che gli attacchi aerei sono continuati nonostante avessero condiviso le coordinate satellitari dei loro ospedali con le parti coinvolte nel conflitto. 

“Gli alti funzionari della coalizione a guida saudita ripetutamente affermano di onorare il diritto umanitario internazionale, ma questo attacco dimostra l’incapacità di controllare l’uso della forza per evitare attacchi contro gli ospedali pieni di pazienti”.

“La decisione di evacuare il personale da un progetto umanitario non viene mai presa alla leggera, ma in assenza di garanzie credibili sul fatto che le parti rispetteranno la condizione protetta di strutture mediche, non ci può essere altra scelta”. 

La coalizione saudita sta portando avanti attacchi aerei nello Yemen dal marzo 2015 nel tentativo di cacciare i ribelli sciiti Houti e difendere il governo riconosciuto a livello internazionale del presidente Abedrabbo Mansour Hadi.

Medici senza frontiere fornisce aiuti d’emergenza alle persone vulnerabili nelle zone di conflitto in tutto il mondo, tra cui la Siria, dove numerosi sono stati gli ospedali bombardati dalle varie parti in guerra. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane