Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ventinove condanne all’ergastolo al maxiprocesso per i crimini della dittatura argentina

Immagine di copertina
Credit: Afp/Notimex

Secondo le associazioni di diritti umani 30mila persone sono state uccise dalla repressione militare in Argentina tra la seconda metà degli anni Settanta e la prima degli anni Ottanta

Ventinove persone sono state condannate all’ergastolo in Argentina per crimini contro l’umanità commessi negli anni della dittatura militare, tra il 1976 e il 1983.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Tra queste vi sono gli ex ufficiali della Marina Alfredo Astiz, conosciuto anche come “l’angelo della morte”, e Jorge Acosta, già condannati all’ergastolo nel 2011 per le torture commesse alla Escuela de Mecanica de la Armada a Buenos Aires, trasformata in un museo per i diritti umani nel 2004.

Si stima che il 90 per cento delle cinquemila persone rinchiuse all’epoca alla Escuela de Mecanica de la Armada siano sparite nel nulla.

Astiz si è rifiutato di chiedere scusa per i suoi crimini, prendendo di mira le associazioni che lottano per i diritti umani: “Sono gruppi di vendetta e persecuzione”, ha detto durante il processo l’ex militare.

Altre 19 persone sono state condannate a pene che vanno dagli otto ai 25 anni di reclusione. Sei gli scagionati: tra loro vi è Juan Alemann, ministro delle Finanze all’epoca della dittatura militare e uno dei pochi civili a essere stato accusato di aver guidato gli abusi.

Alcuni imputati sono stati condannati per i cosiddetti “voli della morte”, una pratica di uccisione diffusa negli anni della “Guerra sporca” (il nome attribuito alla repressione argentina in quegli anni). I dissidenti politici venivano fatti salire su un aereo, sedati e uccisi per essere poi gettati in mare.

“Credo sia incredibilmente osceno il fatto che abbiano dato sedativi ai nostri cari prima di gettarli in fiume o in mare”, ha detto Lisa Boitano, a capo di un gruppo di parenti di persone uccise o arrestate ingiustamente negli anni della dittatura.

Secondo i dati diffusi dalle associazioni di diritti umani e riportati dall’agenzia di stampa Reuters, 30mila persone sono state uccise dalla repressione militare in Argentina tra la seconda metà degli anni Settanta e la prima degli Ottanta. Moltissimi corpi non sono mai stati ritrovati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio