Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ventinove condanne all’ergastolo al maxiprocesso per i crimini della dittatura argentina

Immagine di copertina
Credit: Afp/Notimex

Secondo le associazioni di diritti umani 30mila persone sono state uccise dalla repressione militare in Argentina tra la seconda metà degli anni Settanta e la prima degli anni Ottanta

Ventinove persone sono state condannate all’ergastolo in Argentina per crimini contro l’umanità commessi negli anni della dittatura militare, tra il 1976 e il 1983.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Tra queste vi sono gli ex ufficiali della Marina Alfredo Astiz, conosciuto anche come “l’angelo della morte”, e Jorge Acosta, già condannati all’ergastolo nel 2011 per le torture commesse alla Escuela de Mecanica de la Armada a Buenos Aires, trasformata in un museo per i diritti umani nel 2004.

Si stima che il 90 per cento delle cinquemila persone rinchiuse all’epoca alla Escuela de Mecanica de la Armada siano sparite nel nulla.

Astiz si è rifiutato di chiedere scusa per i suoi crimini, prendendo di mira le associazioni che lottano per i diritti umani: “Sono gruppi di vendetta e persecuzione”, ha detto durante il processo l’ex militare.

Altre 19 persone sono state condannate a pene che vanno dagli otto ai 25 anni di reclusione. Sei gli scagionati: tra loro vi è Juan Alemann, ministro delle Finanze all’epoca della dittatura militare e uno dei pochi civili a essere stato accusato di aver guidato gli abusi.

Alcuni imputati sono stati condannati per i cosiddetti “voli della morte”, una pratica di uccisione diffusa negli anni della “Guerra sporca” (il nome attribuito alla repressione argentina in quegli anni). I dissidenti politici venivano fatti salire su un aereo, sedati e uccisi per essere poi gettati in mare.

“Credo sia incredibilmente osceno il fatto che abbiano dato sedativi ai nostri cari prima di gettarli in fiume o in mare”, ha detto Lisa Boitano, a capo di un gruppo di parenti di persone uccise o arrestate ingiustamente negli anni della dittatura.

Secondo i dati diffusi dalle associazioni di diritti umani e riportati dall’agenzia di stampa Reuters, 30mila persone sono state uccise dalla repressione militare in Argentina tra la seconda metà degli anni Settanta e la prima degli Ottanta. Moltissimi corpi non sono mai stati ritrovati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"
Esteri / Gaza, raid israeliano su un campo per sfollati a Rafah: 45 morti. Idf: eliminati 2 comandanti di Hamas. Tel Aviv: "Civili uccisi da un incendio". Crosetto: "Ingiustificabile". Ue, Borrell accusa: "Ignorata la Corte de L'Aja". Qatar: "Complica i negoziati". Erdogan paragona Netanyahu a Hitler e Milosevic. Il premier: "tragico incidente". Lo Stato ebraico apre un'indagine militare. Sparatoria tra Idf e truppe egiziane al valico di Rafah: un morto. Oltre 36mila vittime e 81mila feriti dal 7 ottobre
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"