Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Maternità surrogata, la Corte di Strasburgo: la madre non biologica può riconoscere il figlio di un’altra donna

Immagine di copertina

La madre non biologica può riconoscere il figlio nato dalla gestazione di un’altra donna portata avanti tramite maternità surrogata. Mercoledì 10 aprile 2019 la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo si è pronunciata sull’argomento in relazione a un caso avvenuto in Francia, ma adesso l’opinione pronunciata dai togati di Strasburgo potrebbe fare giurisprudenza.

I giudici, infatti, si sono pronunciati all’unanimità a favore del riconoscimento legale, da parte della madre intenzionale (non biologica), nei confronti del minore nato da un’altra donna. Essenziale però, a tal proposito, che la donna sia stata indicata come “madre legale” nel certificato di nascita del Paese dove la gestazione ha avuto luogo.

La pronuncia non ha valore vincolante per gli Stati membri, ma sicuramente rappresenta la posizione della Corte europea dei diritti umani sull’argomento.

Nel caso in esame, due coniugi avevano chiesto alla Francia di essere riconosciuti come genitori di due bambini nati da madre surrogata in California. L’uomo è il padre biologico e per questo è stato registrato dallo Stato francese come genitore nel certificato di nascita.

La moglie, invece, non aveva ricevuto lo stesso riconoscimento, dal momento che non c’è alcun legame biologico con i bambini. La Corte di Cassazione transalpina, prima di decidere sul caso, ha chiesto un parere alla Corte di Strasburgo, chiamata a stabilire se il mancato riconoscimento violasse la Convenzione europea dei diritti umani.

La risposta è stata sì. La Corte, infatti, ha spiegato che il mancato riconoscimento legale del legame tra la madre non biologica e il bambino è in contrasto con il diritto in relazione al rispetto della vita privata del minore.

Tuttavia, i togati di Strasburgo hanno sottolineato che la Francia non è obbligata a iscrivere la madre non biologica come genitore nell’atto di nascita, ma può scegliere altre soluzioni, come per esempio quella dell’adozione.

Secondo i giudici, inoltre, il miglior interesse del minore si deve tutelare anche tramite l’identificazione legale delle persone responsabili per la sua crescita e il suo benessere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese