Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un gruppo di marines americani è arrivato a Raqqa per sostenere le forze locali contro l’Isis

Immagine di copertina

I militari saranno di supporto nella preparazione dell'offensiva contro la città siriana, capitale del sedicente Stato Islamico

Un gruppo di marines americani sono arrivati il 9 marzo 2017 a Raqqa, in Siria, con l’artiglieria per sostenere le forze locali che combattono nella zona. Lo riportano la Cnn e il Washington Post. Secondo gli ufficiali che hanno rivelato la notizia, i militari stanno preparando un’offensiva nei confronti di quella che è considerata la capitale del sedicente Stato islamico.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Lo schieramento fornirà armi ai militari locali che lanceranno l’assalto alla città. L’unità garantirà anche sicurezza logistica durante i rifornimenti. Gli ufficiali hanno dichiarato che non ci sono legami tra questa operazione e la scelta del presidente Trump di intensificare l’azione militare contro l’Isis.

Per ragioni di sicurezza il Corpo dei marines e il Pentagono non hanno specificato l’esatta collocazione geografica del contingente. Al momento si stima che a Raqqa ci sarebbero 4mila combattenti dello Stato Islamico ancora in azione, ma la battaglia nella città potrebbe essere non essere l’ultima: molti miliziani sarebbero dispersi nell’area a sud e a est del centro.

Nel frattempo l’amministrazione Trump sta valutando di inviare un contingente di circa mille soldati in Kuwait come forza di riserva nella battaglia contro l’Isis in Siria e in Iraq. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre