Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Marine Le Pen sfida i giudici e rifiuta di essere interrogata sul caso degli incarichi fittizi

La leader del Front National, convocata per la vicenda dei falsi impieghi all'Europarlamento, ha comunicato che non risponderà prima delle elezioni presidenziali

Di TPI
Pubblicato il 24 Feb. 2017 alle 14:49 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 00:32
0
Immagine di copertina

La leader del Front National, Marine Le Pen, si è rifiutata di essere interrogata dai giudici per l’inchiesta sugli incarichi fittizi dei suoi assistenti al Parlamento europeo.

La candidata alle presidenziali francesi era stata convocata dai giudici e ha comunicato il suo rifiuto tramite una lettera.

La Le Pen, secondo quanto riportato da Le Monde, ha inoltre dichiarato che non accetterà alcuna convocazione di polizia o giudici fino alla conclusione delle elezioni presidenziali dell’11 e 18 giugno.

Catherine Griset, la capo di gabinetto della leader del Front National di Marine Le Pen, è stata indagata il 22 febbraio 2017 per le indagini relative a questa inchiesta.

In seguito a questa notizia, la Le Pen aveva dichiarato che esiste un “rischio di strumentalizzazione della giustizia”.

Il 31 gennaio 2017 era scaduto il termine entro cui la leader del Front National avrebbe dovuto restituire circa 300mila euro al Parlamento europeo per uso improprio delle risorse dell’Unione.

Le Pen avrebbe assunto infatti due assistenti, Thierry Légier e Catherine Griset, per svolgere lavori in favore del partito francese pur essendo pagati dall’istituzione dell’Ue. Le Pen ha fatto sapere di non essere intenzionata a pagare e ha detto che si tratta di una vendetta politica.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.