Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:43
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La marcia per i diritti gay a Cuba

Immagine di copertina

Lo scorso 9 maggio oltre mille persone sono scese in piazza all'Avana per chiedere maggiori diritti per gli omosessuali

Lo scorso 9 maggio, più di mille persone appartenenti alla comunità LGBT di Cuba si sono riversate nelle strade dell’Avana, per protestare contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale.

S&D

È l’ottavo anno consecutivo che la capitale cubana ospita la marcia contro l’omofobia e la transfobia; la manifestazione di quest’anno tuttavia, ha avuto una risonanza maggiore rispetto alle edizioni passate. Venti coppie infatti, hanno preso parte al Celebration of Love, una cerimonia simbolica in cui i partecipanti si sono scambiati i voti matrimoniali, in uno Stato che a tutt’oggi considera illegale il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Esponenti del clero cubano e non solo, si sono uniti alla cerimonia, il cui svolgimento si è ispirato a una manifestazione simile, il World Pride event, tenutasi a Toronto nel giugno 2014, nel corso della quale più di cento coppie si sono sposate.

Il reverendo LaRade, arcivescovo della Chiesa cattolica eucaristica del Canada, ha partecipato alle manifestazioni all’Avana di quest’anno, officiando parte dei matrimoni simbolici. “Considero queste unioni, come delle unioni sacre”, ha dichiarato al quotidiano cubano Havana Times. Il gruppo religioso dell’arcivescovo si considera appartenente al ramo cattolico, sebbene non sia ma stato riconosciuto come tale dal Vaticano.

Per un giorno, sotto il ritmo dei tamburi e avvolta nei colori delle bandiere arcobaleno, la comunità gay di Cuba ha potuto mostrare il suo vero volto, senza il timore di essere malgiudicata.

“La nostre famiglie ci accettano per quello che siamo, ma la società no”, racconta Raul Orta all’agenzia Reuters. Raul è legato da tredici anni allo stesso compagno, Yaimel Medina: tuttavia, afferma Orta “Se uno di noi morisse, l’altro perderebbe tutto. Non è giusto”.

Per i cubani che vivono nei centri provinciali, marciare all’Avana è stato ancora più liberatorio. “Chi vive in provincia, può solo sognare un evento come questo ”, sostiene Raiza Marmol, una delle manifestanti. “È un’opportunità unica per mostraci per quello che siamo, senza doverci nascondere”.

Il trattamento discriminatorio dei gay durante il periodo della rivoluzione del 1959, si era spinto fino a relegare chi era omosessuale all’interno di campi di lavoro forzato, volti a correggere quella che veniva considerata una vera e propria deviazione. Un’ingiustizia, riconosciuta successivamente come tale dallo stesso Fidel Castro, nel 2010.

Ora il lento processo verso la legalizzazione dei matrimoni gay, sta avvenendo sotto la guida di Mariela Castro, figlia dell’attuale presidente Raul Castro. In quanto membro nell’Assemblea Nazionale e capo del National Center for Sex Education, Mariela ha votato contro una legge che proibiva la discriminazione in base all’orientamento sessuale, ma che non estendeva il divieto alle discriminazioni basate sull’identità di genere.

Mentre nei Paesi vicini dell’America Latina,come l’Argentina e l’Uruguay, i matrimoni gay sono già stati legalizzati, a Cuba questo risultato sembra ancora molto lontano.
Mariela Castro però, ha dichiarato che ciò che conta per Cuba “Non è essere i primi. È arrivare all’obiettivo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini