Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I manifestanti hanno dato fuoco a un edificio ministeriale durante le proteste in Brasile

Immagine di copertina

A Brasilia 35mila persone sono scese in piazza per chiedere le dimissioni del presidente Temer, accusato di corruzione. Scontri tra manifestanti e polizia

I manifestanti nella città di Brasilia hanno dato fuoco all’interno del ministero dell’Agricoltura, danneggiando inoltre altri edifici ministeriali. Nella capitale brasiliana circa 35mila persone sono scese in piazza per chiedere le dimissioni del presidente Michel Temer, nuove elezioni e lo smantellamento delle riforme economiche.

Le truppe militari sono state impiegate per difendere gli edifici governativi e una massiccia presenza delle forze di polizia è dislocata in tutta la città. Il presidente Temer ha poi deciso di revocare il decreto con il quale aveva disposto l’utilizzo dell’esercito per le strade.

Temer è stato accusato di corruzione nelle ultime settimane e si trova a fronteggiare una crescente pressione riguardo alla richiesta di dimissioni.

Secondo quanto riportano i media locali, alcuni ministeri sono stati evacuati a causa delle proteste, ma solamente dopo l’assalto al ministero dell’Agricoltura.

“C’è stata un’invasione dell’ingresso privato del ministero. Hanno acceso un fuoco in una stanza, distrutto le foto in una galleria”, ha raccontato un portavoce all’agenzia di stampa Afp.

Nelle proteste sono rimaste ferite circa 50 persone. Le manifestazioni hanno avuto inizio pacificamente, ma si sono poi trasformate in scontri con la polizia.

La polizia è ricorsa all’uso di pallottole di gomma e gas lacrimogeni contro i manifestanti. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)