Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

In Turchia 100 nuovi mandati d’arresto per il fallito colpo di stato del 2016

Ankara ha chiesto nuovamente agli Stati Uniti l'estradizione del predicatore turco Fethullah Gülen. Da luglio 2016 gli arresti sono almeno 44mila

Di TPI
Pubblicato il 23 Feb. 2017 alle 11:45 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:31
0
Immagine di copertina

Giovedì 23 febbraio le autorità giudiziarie turche hanno emesso 100 nuovi mandati d’arresto verso sospettati di far parte della presunta rete di Fethullah Gülen, il predicatore che il governo di Ankara di Recep Tayyip Erdogan sostiene essere la mente dietro al fallito colpo di stato del 15 luglio 2016. Lo ha riferito l’agenzia di stampa statale turca Anadolu.

Almeno una quarantina dei ricercati sono già stati arrestati in blitz condotti in 31 province del paese.

Le persone arrestate dalle forze di sicurezza di Ankara dopo il mancato colpo di stato di luglio 2016 sono almeno 44 mila.

Il ministro della Giustizia turco, Bekir Bozdag, ha fatto sapere di aver inviato al suo omologo statunitense, Jeff Sessions, una lettera per chiedere nuovamente l’estradizione dagli Stati Uniti di Gülen, che nei mesi precedenti ha negato ogni coinvolgimento con il tentato golpe.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.