Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Malesia conferma che i rottami trovati in Tanzania sono del volo MH370

Immagine di copertina

A giugno era stato trovato un flap sull'isola di Pembe. Il Boeing 777 della Malaysia Airlines era scomparso dai radar a marzo del 2014 con 239 persone a bordo

Le autorità malesi hanno reso noto giovedì 15 settembre 2016 che i rottami rinvenuti sull’isola di Pemba, in Tanzania, a giugno appartengono al Boeing 777 della Malaysia Airlines scomparso dai radar nei cieli del Vietnam a marzo del 2014.

Le ricerche dei resti del volo MH370, partito da Kuala Lumpur e diretto a Pechino, sono in corso da oltre due anni. A bordo vi erano 239 persone tra passeggeri e membri dell’equipaggio.

Il pezzo ritrovato è un flap, e sarà esaminato nella speranza che possa fornire informazioni sulle circostanze del disastro aereo.

In precedenza, le autorità malesi avevano confermato che i rottami trovati sull’isola di Reunion a luglio del 2015 appartenevano allo stesso volo. 

Al momento, gli investigatori stanno analizzando altri rottami trovati in Mozambico, Sud Africa e Isole Rodriguez, un territorio appartenente alle Mauritius.

Qui sotto una mappa con i luoghi chiave del volo MH370 scomparso: Kuala Lumpur da cui è decollato il Boeing 777 della Malaysia Airlines, lo spazio aereo vietnamita dove il volo è scomparso dai radar, e i luoghi di ritrovamento di rottami attribuiti all’aereo scomparso (Credit: Reuters)

Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"