Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Macron chiede al Ruanda di perdonare la Francia per il genocidio del 1994

Immagine di copertina
Il presidente francese Emmanuel Macron visita il Memoriale del genocidio di Kigali il 27 maggio 2021. Credit: Cyril Ndegeya/Xinhua

Macron chiede al Ruanda di perdonare la Francia per il genocidio del 1994

Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto al Ruanda di perdonare la Francia per il ruolo che ha avuto nel genocidio del 1994, in cui hanno perso la vita più di 800.000 tutsi e hutu moderati.

“La Francia non ha capito che, volendo prevenire un conflitto regionale o una guerra civile, stava di fatto al fianco di un regime genocida”, ha detto Macron durante una visita al memoriale di Gisozi nella capitale ruandese Kigali giovedì 27 maggio, in cui sono seppellite più di 250.000 vittime del genocidio, affermando che la Francia ha perciò dovuto sopportare “una responsabilità soverchiante”. Si tratta della più significativa ammissione di responsabilità espressa finora da un capo di Stato francese, anche se non è stata accompagnata da scuse.

In un rapporto pubblicato lo scorso marzo, una commissione d’inchiesta indipendente ha accusato il governo dell’epoca di “gravi” responsabilità negli eventi che hanno portato al genocidio, iniziato il 7 aprile del 1994. Il rapporto è stato definito “straordinario” dal presidente del Ruanda Paul Kagame, affermando in una conferenza stampa congiunta che questo ha aperto alla possibilità di normalizzare le relazioni tra i due paesi. Kagame ha anche accolto positivamente il discorso di Macron, definendo le sue parole “più potenti delle scuse”.

Il rapporto non ha incolpato la Francia per essere stata direttamente complice nelle stragi, come invece sostenuto in diverse occasioni dalle autorità ruandesi. Dopo le accuse di complicità lanciate da Kagame, dal 2015 la Francia si era rifiutata di nominare un ambasciatore nel paese. “Gli assassini che infestavano le paludi, le colline, le chiese non avevano il volto della Francia. Non era una complice”, ha ribadito Macron durante la visita di ieri, in cui ha anche promesso che sarà scelto un nuovo ambasciatore.

La Francia è stata accusata di aver sostenuto anche militarmente il regime hutu del Ruanda durante la guerra civile combattuta dal 1990 al 1994 contro i ribelli tutsi del Fronte patriottico ruandese, guidati dallo stesso Kagame, e di aver continuato ad appoggiare il governo ruandese anche dopo l’inizio dei massacri, scoppiati dopo l’assassinio del presidente Juvenal Habyarimana e durati circa 100 giorni. Attivisti e associazioni dei sopravvissuti accusano Parigi di aver permesso ai presunti colpevoli delle stragi di lasciare il Ruanda e di avergli consentito di vivere in Francia per anni.

Durante la sua visita, la prima di un presidente francese dal 2010, Macron ha dichiarato che “nessun sospetto autore di genocidio sarà in grado di evitare la giustizia” aggiungendo che “riconoscere il nostro passato è anche e soprattutto continuare l’opera della giustizia”.

Oggi anche la Germania ha fatto un annuncio storico riconoscendo per la prima volta di aver commesso “un genocidio” contro le popolazioni degli herero e dei namas in Namibia durante l’era coloniale, annunciando che donerà al paese africano 1,1 miliardi di euro in aiuti allo sviluppo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico