Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena

Immagine di copertina
Credit: Facebook Janie Durbin

Un’invasione di lumache giganti africane sta spaventando il Sud della Florida. Lunghe oltre 20 centimetri, danneggiano i raccolti, le costruzioni e possono essere fonte di pericolo anche per l’uomo. Sono, infatti, portatrici di un parassita che potrebbe colpire le vie polmonari e causare anche la meningite. Vengono descritte “grosse come topi” e non è la prima volta che colonizzano quel territorio statunitense. La loro presenza era stata registrata già negli anni Sessanta – per eliminarle allora c’erano voluti dieci anni e un milione di dollari – e nel 1973.

La città di Port Richey, a causa delle lumache giganti, sarà quindi in quarantena per due anni. Per combatterle verrà usato un pesticida, il metaldeide, che rimane innocuo per piante e frutti, ma non per le lumache giganti. I cittadini, inoltre, non potranno spostare piante, rifiuti dei cortili, detriti, compost e materiale da costruzione al di fuori della zona delimitata. Lo ha stabilito il dipartimento dell’Agricoltura e dei servizi ai consumatori della Florida.

Originarie dell’Africa Orientale, potrebbero essere arrivate in America per via del commercio illegale di animali. Le lumache giganti si nutrono di oltre 500 varietà di piante – tra cui cacao, papaia, arachidi – e anche di cemento. Producono circa 1200 uova all’anno, da 100 a 500 con un singolo accoppiamento. Possono anche generare uova senza un partner: hanno organi riproduttivi sia maschili sia femminili. Inoltre, non hanno predatori naturali e possono vivere fino a nove anni di età.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco